Usura: presta soldi a nipote con interessi 300%

Usura: presta soldi a nipote con interessi del 300%. Finisce in manette Michele Di Domenico grazie alla denuncia della vittima

Ha prestato quattromila euro al nipote costringendolo poi a versare interessi usurai del 300% e non esitando a minacciarlo e pestarlo violentemente pur di avere i soldi. Per questo è finito in carcere a Cesa, nel Casertano, il 60enne Michele Di Domenico; i carabinieri gli hanno notificato l’ordinanza di custodia cautelare per usura e tentata estorsione emessa dal Gip del Tribunale di Napoli Nord su richiesta della Procura.

 

Usura: indagato in manette grazie alla denuncia della vittima

Determinante per l’avvio delle indagini la denuncia della vittima, che ha permesso ai carabinieri di ricostruire l’incubo in cui il giovane era finito dopo che lo zio gli aveva prestato nell’estate del 2015 la somma di 4mila euro. Tra continue minacce si è arrivati all’aprile del 2016 quando l’indagato ha minacciato di morte il nipote colpendolo al volto e procurandogli parecchie ferite.