donald trump

Usa, Donald e Melania Trump positivi al coronavirus

Dopo aver appreso che il suo stretto consigliere, Hope Hicks, aveva contratto il Covid, il presidente degli Stati Uniti è stato sottoposto a un tampone, che ha dato esito positivo.

Il presidente Usa Donald Trump e la First Lady Melania Trump sono risultati positivi al coronavirus. Lo ha annunciato lo stesso Trump su Twitter.

“Stanotte la First Lady ed io siamo risultati positivi al covid-19. Inizieremo la quarantena e il processo di guarigione immediatamente. Affronteremo questo INSIEME!” ha twittato Trump.

Dopo aver appreso che il suo stretto consigliere, Hope Hicks, aveva contratto il coronavirus, il presidente degli Stati Uniti è stato sottoposto a un tampone. Che ha dato esito positivo.

Il presidente resterà alla Casa Bianca durante la quarantena ma “continuerà a svolgere le sue funzioni”, ha annunciato il suo medico. Un viaggio in Florida, previsto per venerdì, è già stato cancellato.

Hope Hicks, 31 anni, era a bordo dell’Air Force One con il presidente degli Stati Uniti quando si è recato a Cleveland, Ohio, tre giorni fa per partecipare al dibattito contro Joe Biden. Ha anche viaggiato con lui mercoledì quando ha visitato il Minnesota per una manifestazione elettorale. I giornalisti statunitensi hanno notato che molte persone dello staff del presidente si sono apparentemente rifiutate di indossare una mascherina nella stanza mentre partecipavano al primo dibattito presidenziale a Cleveland, in Ohio.

Hope Hicks, che si è unita alla squadra della campagna del magnate immobiliare a inizio 2016, fa parte della cerchia ristretta del presidente. Dopo aver occupato il prestigioso incarico di direttrice della comunicazione per la Casa Bianca, aveva lasciato per un po’ il suo incarico per entrare a far parte del gruppo Fox, dirigendo il canale Fox News, prima di tornare in Pennsylvania Avenue. Discreta con i media ma molto influente dietro le quinte, è un’ex modella che ha lavorato per Ivanka Trump a New York.

La pandemia ha provocato più di 207mila vittime fino ad oggi negli Stati Uniti, di gran lunga il Paese più colpito al mondo. La gestione dell’epidemia ha attirato a Donald Trump critiche molto forti, da parte dei suoi oppositori ma anche da parte degli scienziati e di alcuni politici del suo stesso schieramento. È accusato di inviare segnali contrastanti e confusi, ma anche di mancare di compassione di fronte alla devastazione causata da questo virus. Sondaggio dopo sondaggio, la stragrande maggioranza degli americani giudica con grande severità la sua politica su questo fronte.

Accusato, sulla base di una serie di interviste rilasciate al giornalista Bob Woodward, di aver cercato di minimizzare la pandemia, Donald Trump si è ritrovato nelle ultime settimane in difficoltà su questo argomento. “Non c’è nessuna bugia (…) Non voglio saltare in tutte le direzioni e mettermi a piangere: morte! morte!”, ha dichiarato a metà settembre nel tentativo di spiegare le sue dichiarazioni al famoso giornalista.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *