"Urbs sanguinum" a San Domenico Maggiore

“Urbs sanguinum” a San Domenico Maggiore

Lo spettacolo Urbs sanguinum, che andrà in scena a San Domenico Maggiore domenica 3 gennaio alle ore 19.00, unisce storia, danza e musica.

Domenica 3 gennaio 2016, alle ore 19.00 andrà in scena Urbs Sanguinum, presso la Sala del Capitolo del Complesso di San Domenico Maggiore. 

Nell’ambito della rassegna Natale a Napoli 2015 – NAtività, Lo Sguardo che Trasforma, l’Associazione Palazzo Venezia, con la collaborazione dell’Assessorato al Turismo del Comune di Napoli offriranno uno spettacolo che unisce prosa, teatro, danza, canzoni e musica dal vivo.

Urbs sanguinum: Napoli e le sue reliquie

Lo spettacolo racconta l‘Urbs sanguinum, ovvero la “città dei sangui”, come fu definita Napoli nel 1632 da un osservatore dell’epoca rimasto attonito di fronte alle tremila reliquie di martiri cristiani, gelosamente custodite in città nel chiuso dei conventi o delle dimore private.
Sebbene nel tempo, infatti, il miracolo dello scioglimento del sangue abbia finito con l’identificarsi con San Gennaro, tanti altri Santi compivano e tutt’ora compiono il prodigio.
Liberamente tratto dal testo Urbs Sanguinum di Carmine Maturo e Lucia Malafronte (edizioni Intra Moenia), lo spettacolo vedrà la partecipazione di Roberto Cervone, Carolina D’Alterio, Roberto De Rosa, Guido Liotti, Massimiliano Liotti, Nunzia Loffredo, Ambra Marcozzi, Marta Michetti e Anna Ragucci.

I brani originali sono di Giovanna Panza, alla chitarra ci sarà Edo Puccini e al violino Pasquale Nocerino.

Per info e prenotazioni si contatti il 3914143578 o lo 0815528739.