Universiadi Napoli 2019, sette medaglie per gli azzurri

Sette le medaglie, un argento e sei bronzi, per l’Italia al termine della prima giornata di gare delle Universiadi di Napoli. Lo spettacolo, trasmesso da Rai 2, è stato visto da un milione e mezzo di persone.

Sette le medaglie, un argento e sei bronzi, per l’Italia al termine della prima giornata di gare delle Universiadi di Napoli. Lo spettacolo, trasmesso da Rai 2, è stato visto da un milione e mezzo di persone.

Italia a secco di ori, ma non di medaglie al termine della prima giornata di gare delle Universiadi di Napoli. Un argento e sei bronzi recita il medagliere azzurro per un totale di sette medaglie, con le prime affermazioni che arrivano dal nuoto, dai tuffi e dalla scherma. E’ mancato l’acuto, non di certo la prestazione di squadra. “Siamo soddisfatti – spiega Mauro Nasciuti, guida tecnica del Cusi – l’oro prima o poi sappiamo che arrivera’ e il numero di medaglie conquistate e’ gia’ considerevole se si pensa che a Taipei 2017 in totale ne portammo a casa 32. Ora siamo gia’ a sette, un bottino gia’ buono. Con un pizzico di fortuna arrivera’ anche il metallo piu’ pregiato. Peccato per il tiro a volo dove oggi siamo andati male, ma nel complesso tutte le federazioni hanno lavorato bene e siamo positivi per il prosieguo delle gare“.

 

Universiadi, Nasciuti: “Siamo soddisfatti, l’oro prima o poi arriverà”

UniversiadePer Nasciuti e’ da considerare acquisita anche la medaglia di bronzo conquistata dalla portabandiera Ilaria Cusinato nei 400 misti donne di nuoto e su cui pende il ricorso dell’atleta britannica Abbie Wood. E’ il caso del giorno, con la britannica che sostiene di non aver sentito lo start e successivamente avrebbe udito un richiamo per falsa partenza. Risultato sub judice in attesa del giudizio della giuria atteso nel pomeriggio. “Ma credo non ci saranno sorprese“, dice Nasciuti. Sempre nel nuoto non ha deluso le attese Matteo Ciampi, una delle stelline annunciate della pattuglia azzurra, argento nei 400 stile libero battuto per una manciata di centesimi dal giapponese Yoshida. Due bronzi sono arrivati dalle staffette 4×100 maschile e femminile e dai tuffi con Auber nel trampolino da un metro. Due bronzi anche dalla scherma con lo spadista Roberta Marzani e lo sciabolatore Matteo Neri sconfitti in semifinale nelle rispettive armi.

 

Universiadi Napoli, Cina e Giappone in testa al medagliere

Questo il bilancio azzurro in una competizione che, dopo la prima giornata parla asiatico, con Giappone e Cina in testa al medagliere con tre ori ciascuno assieme agli Stati Uniti. Domani altre medaglie dai tuffi, dalla scherma, dalla ginnastica artistica, dal judo, tiro a segno e nuoto con tanti italiani in gara. A partire dal judo (Falcone -81 Kg, Andrea Gismondo -73 Kg, Mattia Miceli -66 Kg, Claudio Pepoli +90 Kg e nel m Open, Lorenzo Rigano -90 Kg, mentre per le donne Beatrice Brienza -57 Kg, Chiara Cacchione -63 Kg, Martina Costagliola -52 Kg, Carola Paissoni -70 Kg, Debora Sala +70 Kg e nel w Open). Per la scherma, Valerio Cuomo, figlio di Sandro, olimpionico nella spada ad Atlanta 1996, punta della nazionale di spada maschile assieme a Lorenzo Buzzi, Federico Vismara, mentre nel fioretto femminile sale in pedana Erica Cipressa, la figlia del commissario tecnico Andrea Cipressa, oltre a Camilla Mancini e Martina Senigallia.

Torna anche la nazionale azzurra di calcio maschile, impegnata, a Cava de’ Tirreni contro l’Ucraina. Nel basket gara due per gli azzurri del basket, impegnati al Palabarbuto di Napoli contro la Norvegia. In campo anche l’Italrugby a 7. In campo anche le azzurre contro il Canada e di nuovo in campo gli azzurri, contro i maestri della Francia. Al via anche il torneo di tennis nell’arena allestita sul lungomare di Napoli. Boom sui social e in tv, intanto, per lo show di apertura della manifestazione curato da Marco Balich con un miliardo di spettatori negli 81 Paesi che hanno trasmesso lo show in mondovisione. In Italia lo spettacolo, trasmesso da Rai 2, e’ stato visto da un milione e mezzo di persone.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *