Un weekend di musica, dibattiti e autoproduzioni al NaDir

NaDir è un festival indipendente, completamente autofinanziato, che nasce con l’intento di valorizzare la produzione culturale, senza sacrificare il valore umano, tecnico e artistico.

Continua fino a domani il NaDir \ Napoli Direzione Opposta Festival, giunto alla sua terza edizione.

A ospitare l’evento, il Polifunzionale di Soccavo.

Il programma del NaDir

NaDir è un festival indipendente, completamente autofinanziato, che nasce con l’intento di valorizzare la produzione culturale, senza sacrificare il valore umano, tecnico e artistico.

Organizzato dagli attivisti della Rete Scacco Matto, in collaborazione con tante realtà sociali attive sul territorio di Napoli e di Soccavo, il festival prevede tre giorni di musica che vedono sullo stesso palco il meglio della scena italiana al fianco di quella napoletana e degli artisti emergenti del nostro territorio, ma anche tre giorni di dibattiti, panel, presentazioni, assemblee, performance, mostre, autoproduzioni. 

Iniziato ieri il Festival durerà fino a domani, sabato 1 luglio. L’ingresso costa 10 euro.

Ecco il programma:

30 GIUGNO

Ore 18:00
Area dibattiti: Assemblea degli abitanti di Pianura e Soccavo

Area presentazioni: Assemblea Donne, lotte e territori con Non una di meno – Napoli

Perfomance di:

FUGAMA
LUK
/HANDLOGIC
BIRTHH
MECNA

1 LUGLIO

Ore 18:00
Area dibattiti: Napoli incontra il Kurdistan // NaDir Festival

A seguire: Koma Ciwanen Ararat, laboratorio di danze kurde

Area presentazioni:
Dentro gli Hotspot – Presentazione del dossier “Hotspot Leaks” con Nablus – Scuola di Migranti e STAMP Sostegno ai Transitanti e Accoglienza ai Migranti e ai Profughi

Fumetto d’autore partenopeo: Kevin Scauri // Simone Prisco

Performance di:
TRAVEL GUM
LA BESTIA CARENNE
SULA VENTREBIANCO
MARLENE KUNTZ

Ad accompagnare i singoli eventi ci saranno inoltre un’area cucina e bar (con quattro diverse cucine, dalla tradizione napoletana alla cucina kurda), un’area mercato (dischi, libri, autoproduzioni) e un’area mostre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *