Un viaggio all’interno dello Zoo di Napoli tra degrado e speranza (VIDEO)

I lavoratori chiedono sostegno e vicinanza delle istituzioni

di Oscar De Simone

Il degrado sembra regnare ormai incontrastato all’interno delle aree di pertinenza dello Zoo di Napoli. Le erbacce crescono senza sosta ed avvolgono gran parte della struttura rendendo difficile la vita degli animali e rendendo poco agevole il percorso di visita del parco. Le difficoltà però, sembrano non essere solo queste. Da mesi i dipendenti del giardino zoologico non percepiscono compensi ed il denaro messo a disposizione dal tribunale fallimentare non riesce a far fronte a questa situazione.
In conseguenza a tutti questi disagi, questa mattina all’esterno del parco si è riunito il consiglio straordinario della X Municipalità Fuorigrotta Bagnoli.
L’ordine del giorno relativo al sostegno dei dipendenti del parco zoologico è stato approvato all’unanimità da tutti i consiglieri presenti che hanno deciso di schierarsi ancora una volta al fianco dei lavoratori “che da troppo tempo ormai non percepiscono alcuno stipendio”.
“Siamo stanchi di progetti e proclami inutili – commenta il Presidente della X Municipalità Giorgio De Francesco – questa è un’area fondamentale per il nostro quartiere e dell’area occidentale di Napoli e quindi chiediamo con forza che l’amministrazione scenda in campo per salvare questi spazi così importanti per tutti noi”.
I lavoratori non si sentono soli, ma temono che l’Ingegnere Floro Flores – unica ancora di salvezza per loro – possa rinunciare all’acquisto dello zoo.
La vicenda dunque, sembra essere sempre più in bilico e risulta sempre più difficoltoso trovare una giusta via di risoluzione ai tanti problemi che interessano l’area.
I lavoratori chiedono un intervento immediato prima che la loro protesta sia portata all’esterno di Palazzo San Giacomo, “passeremo qui le nostre vacanze, vicino agli animali, ma vogliamo che il Comune faccia quanto prima la sua parte”.

GUARDA IL VIDEO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *