Udinese-Napoli, Benitez: “Vogliamo vincere al Friuli. Hamsik ancora in maglia azzurra”

Al centro sportivo di Castel Volturno, il tecnico azzurro ha parlato della gara di domani in terra friuliana. Assenti Higuain e Britos. Convocato Zuniga

Prima delle festività pasquali, il Napoli di Rafa Benitez affronta, nella gara valida per la 34° giornata di Serie A, l’Udinese di Guidolin in terra friuliana. Una gara dal forte divario tecnico, ma per nulla semplice per gli azzurri: privi di Higuain e Britos, ritrovano Zuniga in panchina. Possibile chance dal primo minuto per Duvan. In sala stampa al centro sportivo di Castel Volturno, il tecnico Benitez ha parlato della gara di domani.

Higuain assente e Zuniga convocato

“Tanti auguri di buona Pasqua a tutti” ha esordito il tecnico azzurro. “Gonzalo ha avuto un colpo alla gamba, non è disponibile per questa partita ma per la prossima ci sarà. Zuniga si è sempre allenato bene e ora è stato convocato, non puo’ giocare dall’inizio ma comunque puo’essere impiegato”.

Hamsik in campo a Udine

Chiarezza sul futuro di Hamsik: “Marek è un calciatore fondamentale per me e per la società. Quest’anno ha avuto un infortunio, ha giocato bene nelle ultime due partite. Oggi non è sul mercato, sono molto contento di lui”.

Gara contro i friuliani

“Ricordo che all’andata prendemmo un gol su errore difensivo. Sappiamo che sarà una partita difficile, l’Udinese ha giocatori di qualità e di energia, sicuro che il presidente li ha caricati ancora di più”. Una partita per nulla semplice che il tecnico azzurro vuole vincere: “Devo essere coerente con quello che ho sempre detto. Voglio vincere la partita a Udine, dopo penserò alle altre. Ogni allenamento e ogni partita conta, così come ogni giocatore”.

Zapata in campo

“Duvan è un giocatore giovane, ha bisogno di tempo ma nelle ultime gare ha giocato bene. Sono molto contento della sua evoluzione, ma deve dimostrare ancora tanto”.

Finale di Coppa Italia

Queste partite servono proprio per mettere le basi alla gara di Roma. Per me ogni partita è importante. Se non vedo un buon atteggiamento in campo, allora anche in finale si puo’ manifestare”.

Mercato

“E’ ancora troppo presto, dobbiamo trovare cio’ di cui abbiamo bisogno. Certo, una rosa più forte aiuterà al squadra, ma è una questione di tempo”.

Benitez e il calcio italiano

Ha imparato tanto quest’anno il tecnico azzurro: “Ho appreso tantissimo. Dal punto di vista tattico, analizzo tutte le partite, ma la chiave fondamentale è far capire alla mia squadra quello che dobbiamo fare. Se dobbiamo cambiare modulo, bisogna sempre sapere cosa fare in campo a seconda della partita e degli avversari in campo. Il campionato italiano è molto tattico e si lavora troppo sull’avversario. Se cambia qualcosa all’inizio della gara, tu non lo sai e ti trovi in difficoltà. La cosa importante è quello che io faccio”.

Britos assente

“Perdere giocatori come Miguel e Gonzalo condiziona. Domani decidiamo con tutto lo staff, abbiamo due o tre possibilità. Miguel ha avuto un colpo, è stato doloroso”.

Percentuale di fine stagione a livello personale

“Io personalmente mi sento vecchio” ride Benitez, scherzando con i giornalisti. “Mi mancano ancora tanti anni, posso imparare”.