Turismo criminale a Gragnano: frode assicurativa di due inglesi

Dopo il furto di un capitello pompeiano ad opera di una coppia americana, di un mosaico pompeiano ad opera di un francese, questa volta una coppia di turisti inglesi spera in una frode assicurativa a Gragnano.

Non finisce qui la lunga lista dei tentativi da parte del turismo straniero di cavalcare redittiziamente lo stereotipo napoletano dei ladri, dei traditori, dei fanfaroni. Di questa mattina è la notizia  del caso di turismo criminale secondo la quale una coppia di turisti inglesi è stata fermata dai Carabinieri di Gragnano, in provincia di Napoli, dopo aver denunciato per il 21 settembre il furto inesistente di un rolex.

La motivazione della falsa denuncia è la frode assicurativa, in base alla quale i coniugi speravano di intascare in patria un assegno di risarcimento di 10.000 euro.

Già in base al racconto, secondo cui gli inglesi sarebbero stati aggrediti e rapinati del rolex da due giovani in sella a una moto e con volto coperto da casco integrale, le cose non convincevano. A inchiodare la coppia di turisti sono stati i sistemi di videosorveglianza della zona che hanno certificato la non presenza del rolex sul polso dell’uomo al momento della presunta rapina e, grazie ad alcune testimonianze, persino l’inesistenza della rapina stessa.