A tu per tu con Stefano Gorla, direttore de “Il Giornalino”

Nell’ambito della mostra attigua al Comicon per i 90 anni della rivista “Il Giornalino”, abbiamo intervistato Padre Stefano Gorla, direttore Area Ragazzi Periodici San Paolo

Comicon 2014, prima giornata. Nella sala stampa abbiamo incontrato Padre Stefano Gorla, barnabita, direttore dell’Area Ragazzi dei Periodici San Paolo, della grande famiglia delle “Edizioni Paoline”. Abbiamo parlato dei cambiamenti della rivista nei 90 anni di storia fin qui compiuti e della missione educativa che si prefigge, con uno sguardo alle nuove generazioni interessate a giornalismo e fumetti (o giornalismo a fumetti!).

Il Giornalino, il grande giornale dei ragazzi

Il 20 agosto del 1914, poco dopo lo scoppio della Prima Guerra Mondiale, don Giacomo Alberione fondava ad Alba (CN) le Edizioni Paoline e solo dieci anni diede alle stampe il primo numero de “Il Giornalino” ad oggi la rivista più longeva d’Europa. Solo dopo furono ideate altre riviste a stampo cattolico della stessa casa, quali Famiglia Cristiana e altre. La rivista presenta storie a fumetti, rubriche, articoli divulgativi destinati ai ragazzi, spazi per le domande e le curiosità dei lettori: un mix esplosivo, unico e decisamente attraente.

Stefano Gorla, direttore dal 2008

Padre Stefano Gorla, religioso barnabita con ventennale esperienza come pubblicista, organizzatore culturale ed esperto di fumetto e cinema d’animazione, ha preso sei anni fa le redini della testata decidendone di cambiarne il formato e diversificarne il target.
Da qui il mensile G Baby per i bambini dai 3 ai 6 anni, il Giornalino (rivisitato nei contenuti e nella grandezza diverse volte nella sua storia) per ragazzi dai 6 ai 12 anni) e Super G, dai 13 anni in su.

La mostra a Napoli

Non capita tutti i giorni di visitare la mostra del Giornalino in compagnia del suo stesso direttore: ed è quello che abbiamo fatto, telecamera al seguito, subito dopo l’intervista realizzata in sala stampa. Pannelli espositivi, gadget (tra cui il celebre Diario G); copie dei Conoscere Insieme, opuscoli per la ricerca e faro di intere generazioni e poi tavole originali di Ippo, Pinky: questo e altro  nel padiglione a cui si può accedere in questi giorni dal Comicon nei quattro giorni, ma che poi rimarrà aperta fino a fine maggio e l’accesso sarà gratuito.

Tra storia e futuro, una fucina di tanti personaggi

Dall’Uomo Ragno ad Asterix, dai classici a fumetti ( i Promessi Sposi, le tragedie di Shakespeare) a storie a fumetti romanzate che ritraggono l’infanzia di personaggi storici fino a inserti a sfondo biblico e divulgativo. In generale però c’è la voglia di insegnare divertendo e di continuare a farlo coinvolgendo un numero sempre più grande di nuove generazioni.

Un’ultima battuta: ma  se il Giornalino non ha Facebook, come possono tenersi in contatto i lettori? Il direttore risponde che sono i ragazzi con meno di 13 anni che su Facebook non dovrebbero starci …