Trova 4mila euro in cabina e li restituisce: ancora un gesto di quotidiano eroismo da parte di un napoletano

“Ho fatto solo il mio dovere” ha dichiarato Umberto, 27enne di Torre del Greco che lavora presso la Moby Lines. A smarrire il plico con i contanti una turista diretta da Genova a Olbia

Il protagonista di questa vicenda è Umberto Di Donna, 27enne di Torre del Greco che lavora come piccolo di camera (assistente steward) sulle navi Moby Lines. E proprio all’approdo su un’isola, la Sardegna, nel fare le pulizie in una cabina, il giovane ha trovato un pacco, dimenticata dal proprietario, con all’interno alcuni effetti personali e la bellezza di 4mila 100 euro in contanti.

Un libro, delle carte, un documento di identità e una busta con 18 banconote da 200 euro e una da 500: questo il contenuto del plico rinvenuto dal giovane addetto alle pulizie. Che non ha avuto alcun dubbio sul da farsi: immediatamente infatti, il 27enne in servizio sulla Moby Otta, ancorata al porto di Olbia e proveniente da Genova, ha consegnato tutto ai commissari di bordo che, grazie a una breve indagine, hanno rintracciato gli occupanti della cabina durante il viaggio verso Olbia e hanno restituito il pacco, intatto, alla passeggera che l’aveva smarrito durante il viaggio.

È un altro piccolo, grande gesto di onestà quello compiuto dal giovane marittimo, che fa ancora una volta risplendere il nome di Napoli e della sua Provincia nel mondo. “Ho solo fatto il mio dovere” avrebbe commentato il giovane intervistato da Il Mattino. Dopo il caso di Sofia, la bambina di 8 anni che la settimana scorsa ha trovato in strada un portafogli smarrito e l’ha consegnato ai carabinieri, permettendone la restituzione alla proprietaria, la vicenda di Umberto ci rende nuovamente orgogliosi di essere napoletani.