Massimo Osanna: "Pensiamo al numero chiuso per scavi di Pompei"

Troppi visitatori a Pompei. Massimo Osanna: “Pensiamo al numero chiuso”

Il soprintendente Massimo Osanna sulla troppa affluenza agli scavi di Pompei: “Situazione impossibile. Studiamo con Ministro, nuovo piano di sorveglianza”

“Un flusso non sostenibile”. E’ così che il soprintendente Massimo Osanna definisce i 35mila visitatori in un giorno solo per gli scavi di Pompei. Lo stesso ha anche annunciato di aver già provveduto a contattare il ministro dei Beni culturali e del Turismo, Dario Franceschini, per studiare, in vista della prossima domenica ad ingresso gratuito, un nuovo piano di sorveglianza. Alla cui base dovrebbe esserci sia l’aumento dei controlli, ma anche, e soprattutto, l’entrata a numero chiuso.

 

Massimo Osanna: “Impossibile tale massa di persone in unica zona degli Scavi”

“Potrei per settori ipotizzare di contingentare l’afflusso di visitatori bloccando gli ingressi oltre i 15-20mila – ha dichiarato Osanna – Ma la proposta può essere anche quella di visite con itinerari programmati, ampi, perché nemmeno si può pensare di far confluire una tale massa di persone in un’unica zona degli Scavi”.