Il Tribunale fallimentare dice sì al concordato preventivo: Anm è salva

Il prossimo passo è la sentenza di omologazione, che dovrebbe arrivare a giugno, previo accordo con i creditori

La soddisfazione del sindaco de Magistris dopo la sentenza del Tribunale di Napoli sull’ammissione al concordato preventivo di Anm: il risultato di un grande lavoro.

Il Tribunale di Napoli ha ammesso al concordato preventivo l’Anm (Azienda napoletana mobilità). A darne notizia è stato il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, a margine di un convegno a Palazzo San Giacomo. ”E’ davvero una notizia lieta per Napoli – ha detto – Siamo molto soddisfatti per come il Tribunale di Napoli ha trattato questa vicenda così delicata. E’ un risultato frutto di un grande lavoro di squadra grazie al quale siamo riusciti a passare in appena sei mesi dal quasi certo e conclamato fallimento di Anm alla salvezza dell’azienda”.

Le parole di de Magistris

De Magistris, nel rivolgere ”un ringraziamento” a tutti quelli che hanno lavorato per ottenere questo risultato ”dal Comune ad Anm alla Holding”, ha evidenziato che ”ora Anm deve dimostrare di non essere solo un’azienda salvata che garantisce posti di lavoro ma anche un’azienda che deve garantire migliore qualità dei servizi. Certo – ha aggiunto – questo non può avvenire dall’oggi al domani ma già dalla fine di quest’anno noi ci attendiamo uno scatto di orgoglio e di forza da parte dell’azienda che abbiamo salvato e mantenuto in mano pubblica quando non ci credeva più nessuno”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *