Traffico di droga: dosi trovate in camera casalinga e ascensore del Parco Verde di Caivano

Traffico di droga tra Calabria e Campania, 3 arresti

Il gestore di un B&B e due corrieri calabresi sono stati arrestati nell’ambito dell’inchiesta sul traffico di droga. Stupefacenti nascosti nell’air bag

Ci sono anche due persone legate alla ‘ndrangheta della Locride, come riporta l’AGI, tra i tre arrestati a Pompei, nel Napoletano, nell’ambito di una indagine sul traffico di droga nelle ‘piazze di spaccio’ nella provincia di Napoli. Il gestore di un bed and breakfast e due corrieri della droga calabresi, uno dei quali componente di una delle ‘ndrine coinvolte nella faida di San Luca, sono nel carcere partenopeo di Poggioreale dopo un intervento del Gico della Guardia di finanza napoletana che ha portato anche al sequestro nella struttura alberghiera di un chilo di cocaina purissima, che e’ stata trasportata dalla Calabria in una Toyota Yaris rossa scortata da un’Audi A/3 con targa tedesca lungo la A3 Salerno-Reggio Calabria.

 

Traffico di droga, stupefacenti nascosti nel vano dell’air bag

La sostanza stupefacente era nascosta in un doppio fondo ricavato nel vano dell’air bag. Al gestore del b and b, che ha precedenti specifici, sequestrata anche una pistola Glock modello 9×19 priva di matricola, e le munizioni dell’arma, tutto nascosto in due vani portafaretti nella controsoffittatura della sala ristorante. La coca avrebbe fruttato circa 100mila euro divisa in 3.500 dosi.