Il tifoso aggredito da De Laurentiis rifiuta le scuse del presidente

Il tifoso aggredito da De Laurentiis rifiuta le scuse e vuole querelare il presidente

Si chiama Dario D’Agostino il tifoso napoletano protagonista della diatriba avuta con il presidente del Napoli Aurelio De Laurentiis, all’uscita dello stadio Ennio Tardini di Parma. Il numero uno dei partenopei, dopo la scenata dettata dalla rabbia, ha chiesto scusa al tifoso invitandolo nei suoi uffici a Castelvolturno per un chiarimento, ma il tifoso  ha rifiutato l’invito del presidente volendolo querelare.

Le dichiarazioni del tifoso

Sono allibito e deluso dal comportamento di De Laurentiis. E ora mi riservo di querelarlo. Gli ho detto: presidente, noi non vogliamo vincere solo contro la Juventus. L’ho detto con educazione e per tutta risposta lui è sceso dalla macchina e si è avventato contro di me sotto gli occhi di chi era nei paraggi.

In merito, poi all’invito a Castelvolturno: “[…] ho declinato l’invito senza alcun dubbio, perché la mia dignità di persona e di tifoso non la vendo a nessuno, nemmeno a chi ha solo più soldi di me. Sono sicuro di tenere di più io al Napoli, sia come squadra sia come città, che il presidente De Laurentiis..”

Dichiarazioni forti e decise da parte di questo tifoso sicuramente scosso per quanto accaduto. L’uomo è stato addirittura medicato al pronto soccorso a causa di un trauma contusivo rachide lombosacrale conseguenziale al faccia a faccia con il presidente. Problemi davvero seri adesso per il presidente De Laurentiis. Si attendono sviluppi.