Terra dei Fuochi: offese ai bambini malati su Facebook, parte la denuncia

Una querela con una ingente richiesta di risarcimento danni – un milione di euro per ciascuna vittima delle offese – è stata presentata da circa 300 abitanti della tristemente nota “Terra dei Fuochi” indignati per le frasi denigratorie contro i napoletani che sovente vengono pubblicate su un profilo facebook intitolato “Napoletani popolo indegno e incivile“.

 

Terra dei Fuochi: offese alle mamme dei bambini deceduti

La querela è stata consegnata oggi, alle forze dell’ordine, dall’avvocato Angelo Pisani, già legale di Diego Armando Maradona, che ha già intrapreso analoghe diatribe giudiziarie. I post, alcuni dei quali incitano all’odio, sono stati rimossi solo stamattina, mentre la pagina è ancora visitabile.
La denuncia è scattata dopo la pubblicazione dell’ennesimo post offensivo, questa volta indirizzato alle mamme dei bimbi deceduti in questi anni per gravi malattie tumorali. Le frasi pubblicate sono particolarmente spregevoli e prendono di mira anche i piccoli pazienti oncologici, come Aurora, affetta da una grave patologia.

 

Borrelli: “Chiedo l’intervento immediato della polizia postale”

Nelle ultime ore – ha denunciato intanto Borrellista raccogliendo consensi anche un’altra pagina, “Napolincivile”, che si rifà allo stesso squallido tema puntando sulla ‘dissonanza cognitiva dei napoletani’ e per la quale abbiamo chiesto la chiusura immediata augurandoci che i responsabili dei contenuti di Facebook non continuino a tenerle aperte. Chiedo intervento immediato della polizia postale per identificare i creatori di queste due pagine indegne e quanti hanno postato foto o commenti altrettanto indegni”.

Questo articolo è stato scritto dalla redazione di Road Tv Italia. La web tv libera, indipendente, fatta dalla gente e con la gente.

Redazione

Questo articolo è stato scritto dalla redazione di Road Tv Italia. La web tv libera, indipendente, fatta dalla gente e con la gente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *