Telecronista da narratore a protagonista, evoluzione o involuzione?

Oggi mi sono imbattuto in un post del mio amico Bruno Marra che, ancora una volta, oltre che soddisfare la mia sete di lettore mi ha invitato ad una riflessione. Ormai nelle telecronache a parte i 22 protagonisti in pantaloncini e scarpette se ne aggiungono altri uno/due in giacca e cravatta. Voglio condividere questa riflessione per invitare ad un valutazione che ognuno potrà liberamente fare.

“Oggi le TV tematiche che trasmettono calcio e sport hanno adottato la denominazione “talent” per connotare gli ex calciatori o atleti che accompagnano la telecronaca prestando il commento come seconda voce.

Ma l’impressione è che qualcuno di loro abbia preso talmente sul serio l’appellativo di “talento” al punto da sovrapporsi all’evento sportivo, cercando di essere più protagonista dei giocatori in campo. Come a voler ripristinare una realtà virtuale che possa surrogare la nostalgia di non stare più sotto i riflettori allorquando davvero giocava.

Una specie di terapia psicologica riabilitativa che si esercita urlando e strepitando ad ogni pie’ sospinto come se ogni partita fosse degna dell’enfasi di una finale di Coppa del Mondo. Un’enfasi che in realtà nasconde solo la velleità egocentrica di ergersi al di sopra di tutto ciò che sta accadendo, mettendosi in mostra più dei veri interpreti.

Sarebbe meglio ricordare che il miglior commento possibile, giornalisticamente parlando, è quello che sa raccontare senza mai defocalizzare la cronaca e senza mai fagocitare l’emozione del gesto tecnico. E solo chi davvero ci riesce, con sincerità, sobrietà, creatività e scrupolo, può davvero considerarsi un talento.

Per gli amarcord gratificanti ci sono palcoscenici intimi più delicati. E soprattutto più credibili, apprezzabili e accoglienti…” Bruno Marra

Ripeto, mi andava di condividere la riflessione e la valutazione, a voi la risposta!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *