Technology Biz 2012

Road Tv Italia intervista Bruno Uccello, CEO di TechnologyBiz e Antonio Savarese, Segretario del Comitato Tecnico e Scientifico di TBIZ

 

5 ragioni per esserci

1. Un contenitore di eventi verticali.

Il visitatore può agevolmente costruirsi un’agenda di molti incontri e partecipazioni ciascuna di un livello pari a quello di un evento verticale: due giorni intensi e ben spesi.

2. Ampio mercato per proposte di ICT complessa.

Per un technology vendor, il Sud d’Italia ed il bacino del Mediterraneo sono i mercati dell’immediato futuro. In queste aree si riscontra una domanda di tecnologia ICT in procinto di divenire complessa.

3. Contesto relazionale di alto livello.

Le giuste relazioni sono la chiave del business, non è una novità. Qui potrai incontrare i Very Important Top Officer del settore pubblico e privato: dalla P.A. locale e regionale al mondo della sanità, dai trasporti all’industria e alle PMI.

4. Convergenza di interessi e personalità di rilievo.

Con oltre settanta keynote speakers del mondo dell’industria, dell’economia, dell’università, della politica, delle associazioni, TBIZ è l’unico grande concentratore di persone, idee e contenuti del Sud Italia che vuole fare innovazione.

5. Contenuti su misura per te.

Gli argomenti ed i contenuti di TechnologyBIZ sono selezionati per essere utili alle aziende del Mezzogiorno. Parleremo delle tecnologie per le infrastrutture, l’industria, la sanità, le imprese, la pubblica amminstrazione e tanto altro.

Programma TBIZ

 

L’uovo di Colombo, come Apple e Samsung copiano Carosello di Maurizio Imparato
Antoine-Laurent de Lavoisier aveva molto chiaro questo concetto quando enunciò la prima versione della legge di conservazione della massa. E’ una frase che mi risuona ogni volta in cui assisto a dei cambiamenti epocali.
Stiamo attraversando un periodo di profonda trasformazione nella relazione tra clienti e brand. I media “tradizionali” sono in affanno nell’inseguire la grande voglia di “conversazione” che si è generato con l’uso massivo e “trasversale” dei social media.
E’ stata appena pubblicata la classifica Interbrand 2012, classifica che fotografa lo stato delle “marche” nel mondo. I top risers sono Apple, Amazon, Samsung, Nissan e Cisco. Cosa li accomuna? L’uovo di colombo. La reale voglia di “conversare” ad un livello emozionale con il proprio interlocutore, di fornirgli una vera esperienza di acquisto “wow” ed una capacità di ascolto e comprensione delle sue proprie necessità.
Un esempio concreto sono gli adv di Apple e Samsung, spot che ricalcano il format adottato da Carosello a partire dai primi anni 60, anni nei quali nasceva la comunicazione pubblicitaria.
Esattamente come sta accadendo ora, era della nascita della “nuova” comunicazione (Fonte TBIZ)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *