Supermercati Procaccini: Non si vendono prodotti provenienti da Napoletano e Casertano, la protesta dei Verdi

Supermercati Procaccini: Non si vendono prodotti provenienti da Napoletano e Casertano, la protesta dei Verdi

Non si vendono prodotti provenienti dal napoletano e dal casertano”. Questo si legge sui manifesti affissi dei Supermercati Procaccini, nel Beneventano

Frutta fresca tutti i giorni, ottima mozzarella di bufala, ma nulla che provenga da terreni contaminati, quindi nulla che provenga dal Casertano o dal Napoletano. Questo si ritrova sui manifesti affissi dei Supermercati Procaccini, nel Beneventano. I manifesti e ciò che vi è scritto, sono stati segnalati da Gianni Simioli, conduttore de La Radiazza e, i Verdi, chiedono che vengano tolti senza dover attendere oltre.

E a parlare è anche il consigliere regionale dei Verdi, Francesco Emilio Borrelli che afferma: “Continua la campagna contro i prodotti della terra tra Napoli e Caserta e questa volta l’attacco non arriva dal Nord, da qualche commerciante leghista, ma dalla stessa Campania, da una catena di supermercati del beneventano“.

 

Supermercati Procaccini, i Verdi: “E’ una cosa ingiustificabile. Tolgano quei manifesti”

In questi giorni, le strade del beneventano sono invase da manifesti in cui i supermercati Procaccini ricordano ai loro clienti che non vendono “prodotti contaminati provenienti dal napoletano e dal casertano”, un comportamento ingiustificabile ed è triste vedere che un’azione del genere venga proprio dal beneventano, da quella terra che tutti noi stiamo provando ad aiutare per risollevarsi dall’alluvione. Chiedo – prosegue Borrelli alle forze dell’ordine di rimuovere i manifesti se non lo faranno i proprietari”.