Stop biocidio: anche Mugnano scende in piazza

Anche Mugnano scende in piazza contro il biocidio

di Redazione

Mugnano – Una nuova manifestazione di protesta contro il biocidio perpetrato ai danni della Campania farà scendere in piazza i cittadini della provincia di Napoli, appena una settimana prima del maxi corteo previsto per il 16 novembre in città. Sabato 9 novembre alle 17 sarà Mugnano a protestare contro lo sversamento illecito di rifiuti e i roghi tossici che stanno avvelenando i nostri territori.

Al grido di “Mugnano vuole vivere” i cittadini si ritroveranno a sfilare nelle strade per dire basta a rifiuti tossici, roghi, discariche e inceneritori e richiedere le bonifiche dei territori della Terra dei Fuochi, un ciclo virtuoso dei rifiuti, raccolta differenziata e istituzione del Registro tumori per la regione Campania.

Un altro corteo, un altro rivolo che si prepara ad unirsi al fiume in piena che il 16 novembre, partendo da piazza Mancini – il corteo sarebbe dovuto partire da piazza Borsa, ma l’itinerario è stato modificato dagli organizzatori, di concerto con la Questura, per questioni di ordine pubblico –  invaderà pacificamente il capoluogo partenopeo; una manifestazione che sta raccogliendo numerose adesioni, l’ultima quella del cantante partenopeo Nino D’Angelo che ha confermato la sua partecipazione al corteo: “il 16 novembre tutti, credenti e non credenti, comitati e associazioni, circoli sportivi e culturali, movimenti e singoli gruppi, scenderemo in piazza – ha dichiarato – Siamo a una svolta decisiva. Indietro non si torna. I nostri bambini hanno il diritto di vivere sereni. Prepariamoci. Senza perdere la speranza. Allontaniamo la pigrizia. Riprendiamoci la vita”.

5 novembre 2013

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *