Stadio Collana: una catena umana per difenderlo (FOTO)

Un flashmob è stato organizzato per ieri mattina dall’Ati Collana Sport Center per protestare contro la situazione di stallo in cui versa lo Stadio Collana. Una catena umana per difenderlo

Dopo la parziale riapertura dello Stadio Collana, l’Ati Collana Sport Center ha organizzato, ieri mattina 14 dicembre alle 10.30, un flashmob per difendere la struttura: una catena umana per chiedere di riaprire il bando per i lavori di ristrutturazione dello stadio e per protestare contro la situazione di stallo in cui versa tutta la questione. L’impianto vomerese ospita ben 21 associazioni sportive che chiedono il ripristino immediato della gara regionale. Il consigliere dei Verdi Francesco Emilio Borrelli ha annunciato suo suo account Facebook che alla manifestazione era presente anche uno dei responsabili della triste questione del Collana, il consigliere regionale Luciano Schifone, braccio destro di Stefano Caldoro.

Stadio Collana: “Bisogna riaprire il bando!

Le associazioni che frequentano lo Stadio Collana chiedono che sia garantita la massima sicurezza dell’impianto sportivo e che siano riprese in toto le attività. L’Ati Collana Sport Center è in prima linea e insiste per la riapertura del bando e per l’affidamento della gestione: “Bisogna per prima cosa riaprire il bando, poi potremmo parlare di tavolo per la concertazione con il sindaco de Magistris. Ancora ci troviamo a discutere sull’affidamento dell’impianto quando, a quest’ora, dovremmo già essere pronti a dare inizio alla fase progettuale. Basta farse, vogliamo procedure trasparenti“.

 

Per approfondire:

Lo stadio Collana chiude: urgono lavori di ristrutturazione

Chiusura dello stadio Collana: rimpallo di colpe tra Regione e Comune