«Sottopalco», libri e cibi bio al Teatro Bellini (VIDEO)

Apre il più grande caffè letterario del Sud Italia, il modo giusto per coniugare cultura, gastronomia e lettura.

Più di 500 persone hanno partecipato al Teatro Bellini per l’inaugurazione del Caffè letterario “Sottopalco”, affollando il teatro come ad una prima.

Grandi presenze per questo Caffè, che sarà il primo nel meridione d’Italia.
In pieno centro storico, 3 sale da 120, 50 e 30 posti per presentazioni di libri, dibattiti e convegni, una libreria specializzata con solo case editrici indipendente, più uno spazio espositivo per mostre fotografiche e un’area musica per showcase, molto originale ricavata nel montacarichi del Teatro.
Sottopalco, posizionato proprio sotto il palco del prestigioso teatro, sarà il primo bar a Napoli a servire solo ed esclusivamente “Caffè Lazzarelle” che viene prodotto dalle detenute del carcere di Pozzuoli.
Dopo lo Store della Marotta&Cafiero, casa editrice gestita da Rosario Esposito la Rossa e Maddalena Stornaiuolo, i fratelli Russo che hanno la direzione del Bellini, hanno deciso, in sinergia, di aprire il caffè letterario, nel teatro.
Il modo più giusto di consentire alle persone di vivere l’arte a 360 gradi.
-“Lasciarsi condizionare dal posto, per vivere un futuro di educazione al bello, per meglio percorrere una strada lasciandosi condizionare dal posto.”-
questo il senso che i fratelli Russo, i giovani della Marotta&Cafiero e Marina Nardone, hanno fatto loro da sempre, e che hanno fatto si che oggi, si realizzasse il “Sottopalco”.
Nel contest un equobar con prodotti del commercio equo e un bistrot da oltre 50 posti a sedere che proporrà solo ed esclusivamente prodotti a Km 0 ed eccellenze della gastronomia Campania, e prodotti dell’associazione Libera, nati sulle terre confiscate alle mafie.
Vini dall’Irpinia e dal Vesuvio, gelati, sorbetti a base di latte nobile, snack, the e tisane firmate da Altromercato.
Legambiente Campania, ogni mese proporrà prodotti d’eccellenza campani provenienti dai parchi regionali, ad ottobre pomodorini del piennolo e vino Lacryma Christi del Parco del Vesuvio.
Importante anche la sinergia con l’Istituto Vittorio Veneto di Scampia, come ha spiegato la Preside Olimpia Pasolini, presente con un gruppo di alunni ( Francesco, Federica, Antonio, Giuseppe e Arnaldo) che hanno servito le prelibatezze del Bistrot.
-” Grandi progetti con Rosario e Maddalena, come quello già realizzato di aver aperto una libreria all’interno della Scuola superiore, così da avvicinare ragazzi che molto spesso vivono in condizioni a dir poco disagiate, di avvicinarsi alla lettura.”-
Innovativo per le scene napoletane lo showcase del sassofonista Pino Ciccarelli, “sceso ” nel montacarichi , dipinto di murales che ha emozionato tutti i presenti.
Grande emozione e successo ha riscosso la mostra fotografica di Giuseppe Di Vaio.
Il menù del bistrot è totalmente affidato ai prodotti dello chef campano Pietro Parisi, “cuoco-contadino”, come ama definirsi, che presente all’inaugurazione, ha spiegato che-” l’obiettivo dell’iniziativa è mettere in risalto le eccellenze campane provenienti dall’hinterland napoletano per diffonderle in città”.-
L’idea di coniugare lettura, teatro e gastronomia forse è davvero vincente. D’altronde, come ha ricordato lo stesso Pietro Parisi-” Forse un libro ci salverà, ma un pomodoro ci potrà salvare”-
Tra le realtà che saranno presenti al Sottopalco, hanno preso parte all’inaugurazione Sergio Acampora con oli e vini, Marcella Morvillo per Scaramurè, Saverio Bifulco con i pomodorini del piennolo, Imma e Paola della Torrefazione Lazzarelle e Diego Rossi che curerà il corso pratico di Haikai e poesia Giapponese.