COME SI STA MUOVENDO IL NAPOLI IN CHIAVE MERCATO?

Ora ci si domanda come continuerà il mercato estivo della società di Aurelio De Laurentis dopo aver già convinto il 25enne Giovanni Di Lorenzo con un quinquennale da 1,2 milioni. Ad esempio, tra le tante voci di mercato, si parla di due fuoriclasse: James Rodríguez e Romelu Lukaku. Rodríguez può essere considerato a tutti gli effetti un sogno di mercato. Dopo due anni di prestito al Bayern Monaco, James Rodriguez è tornato al Real Madrid. Tuttavia i suoi rapporti con Zidane non sono dei migliori e difficilmente il giocatore resterà in Spagna.

Diverse sono le squadre interessate a lui, in Italia ci sono Juventus e Napoli. Il club azzurro sta sognando il grande colpo da regalare a Carlo Ancelotti, suo grande estimatore e già suo allenatore. Tuttavia il Real vuole almeno 50 milioni di euro per cedere il colombiano. Tornando al secondo nome, il belga Lukaku, la difficoltà è nell’accordo con l’ingaggio, poichè al Manchester United guadagna 10 milioni a stagione.
Oltre a questi ci sono altri nomi come Daniele Baselli del Torino; Jordan Veretout della Fiorentina, la quale ha appena ufficializzato il cambio di poprietà; Josip Ilicic dell’Atalanta, il quale spiega di voler cambiare e si dice pronto a nuove sfide. Ecco le sue parole: “Non sono più giovane. Il mio manager si occupa degli interessi nei miei confronti. Rimanere all’Atalanta? Sì, a patto di essere forti. E sto parlando di un rafforzamento che ci fa lottare per i piani più alti. Voglio giocare per questo.

Se l’Atalanta me lo permetterà, sarò contento di restare. Altrimenti, sono pronte a nuove sfide”. E parlando del suo futuro continua: “Capisco Percassi che vuole la mia permanenza. Ho letto le sue dichiarazioni, ha confermato l’allenatore, sono contento, tutti vogliono tenermi. Ma esiste un ma. Ci sono due parti da accontentare, e io non ho più molto tempo davanti a me per giocare ad alto livello. Devo capire, devo pensare al futuro. Devo ottenere il massimo possibile dalla mia carriera”.

Alessandro Farina
Valerio Campanile

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *