Sequestrato pesce senza etichetta a Roma e Napoli

Sequestrato pesce senza etichetta a Roma e Napoli

Sequestrato pesce senza etichetta a Roma e Napoli. Sconosciute la data di cattura, le modalità di conservazione e la provenienza geografica

Sequestrate circa 1,5 tonnellate di pesce prive dell’etichettatura e della documentazione previste dalle norme comunitarie e nazionali. E’ il risultato di un’operazione dei carabinieri del Comando Politiche agricole e alimentari, con l’ausilio dell’Arma territoriale, in seguito ai controlli nei confronti di decine di operatori del commercio all’ingrosso delle province di Roma e Napoli.

 

Sequestrato pesce potenzialmente pericoloso

L’intervento del Reparto specializzato dell’Arma ha impedito che finissero sulle tavole dei cittadini alici, cernie, gamberi, merluzzi, spinarelli, triglie, pesce spada e pesce sciabola di cui risultano del tutto sconosciute la data di cattura, le modalità di conservazione e la provenienza geografica e per questo potenzialmente pericolosi per la salute anche sotto il profilo igienico-sanitario.