Sequestrata discarica di rifiuti a Marcianise

Scoperta e sequestrata una discarica di rifiuti speciali a Marcianise. Denunciato e arrestato il proprietario del suolo residente a Marcianise.

Dopo le dichiarazioni di Gaetano Vassallo e la ripresa dell’escalation dei roghi di rifiuti prosegue da parte delle forze dell’ordine l’individuazione di privati cittadini che in Campania decidono di abbandonare gli impieghi legali per avventure imprenditoriali al limite del mafioso, per lo stoccaggio e lo smaltimento di rifiuti speciali e industriali.

Il nucleo della Guardia Forestale di Marcianise, nell’operazione di prevenzione contro i roghi tossici, ha oggi arrestato un 45enne residente a Marcianise accusato di gestione illecita di rifiuti. Quest’ultimo era proprietario di una ditta per il trasporto dei rifiuti priva di alcun tipo di licenza e certificazione. Al sequestro della polizia giudiziaria è seguita la denuncia alla Procura di Santa Maria Capua Vetere e la relativa convalida del gip del Tribunale.

La proprietà sequestrata è un suolo agricolo di 150 metri quadrati recintati convertito allo sversamento di materiali di risulta.

In forte polemica alle proposte governative di eliminazione del corpo della Guardia Forestale, il comandante Provinciale del Corpo Forestale di Caserta, Michele Capasso, ha riferito sulla specificità della Forestale e rilancia sottolineando il: «monitoraggio delle aree interessate dal fenomeno dell’abbandono incontrollato di rifiuti e del controllo delle ditte dedite ad attività di gestione illecita di rifiuti, pratica illegale fortemente diffusa sul territorio e particolarmente attenzionata dai comandi Stazione forestali operanti nella Terra dei Fuochi».