Sea Watch: ok allo sbarco, i migranti in otto paesi tra cui l’Italia

Raggiunto l’accordo per lo sbarco dei 49 migrati della nave Sea Watch da settimane in mare. I migranti saranno distribuiti in otto paesi, tra cui l’Italia.

Raggiunto l’accordo per lo sbarco dei 49 migrati della nave Sea Watch da settimane in mare. I migranti saranno distribuiti in otto paesi, tra cui l’Italia.

Il premier maltese Joseph Muscat ha annunciato il via libera all’accordo europeo sui migranti delle navi delle ong Sea Watch e Sea Eye, da settimane in mare con 49 migranti. Malta trasferirà sulle proprie navi i migranti che saranno redistribuiti tra otto paesi Ue, tra cui l’Italia (le parole del sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, in merito allo sbarco dei 49 migranti).

Sea Watch, Muscat: “L’operazione per trasferire i migranti inizierà il prima possibile”

sea watch
Raggiunto l’accordo per il trasferimento dei 49 migranti

Un accordo ad hoc è stato raggiunto”, ha annunciato il premier, precisando che prevede il ricollocamento dei migranti in otto Paesi europei. “L’operazione per trasferire i migranti sulle navi delle nostre forze armate – ha proseguito Muscat – inizierà il prima possibile“. Gli otto paesi che contribuiranno al ricollocamento dei migranti a bordo della Sea Watch sono, secondo quanto riferito da Muscat, Germania, Francia, Portogallo, Irlanda Romania, Lussemburgo, Olanda e Italia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *