L’ex deputato di Sel Scotto aggredito a Venezia dai neofascisti

Elsa Bertholet, moglie dell’ex deputato di Sel, Arturo Scotto, racconta attraverso un post su Facebook l’aggressione subita nella notte di San Silvestro a Venezia

Elsa Bertholet, moglie dell’ex deputato di Sel, Arturo Scotto, racconta attraverso un post su Facebook l’aggressione subita nella notte di San Silvestro a Venezia

“Capodanno a Piazza San Marco con marito e figlio grande, mezzanotte e un minuto: un gruppo dietro di me canta ‘Anna Frank sei finita nel forno’, mi giro: ‘Ragazzi basta!’, si mettono a urlare: “Duce, duce …..” con mano alzata, si gira mio marito che prima non le aveva sentito cantare: “Basta!!!!” e boum si prende botte in faccia da vari lati, poi si mette di mezzo un ragazzo per aiutarci e lo picchiano pure lui, visibilmente abituati al fatto, poi fuggono come dei vigliacchi che sono“.

 

Aggredito insieme alla famiglia l’ex deputato Arturo Scotto

E’ il racconto che Elsa Bertholet, moglie di Arturo Scotto (ex deputato di Sel ed esponente di Articolo Uno) affida a Facebook dopo l’aggressione della notte di San Silvestro a Venezia. “Ora in un bar meraviglioso nel ghetto. Bella Venezia. Buon anno antifascista a tutti!“, conclude.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *