Scoperte sei nuove strutture vulcaniche sottomarine nella zona Vesuviana

Scoperte sei nuove strutture vulcaniche sottomarine nella zona Vesuviana

Sei strutture vulcaniche sottomarine sono state localizzate a una distanza poco inferiore ai tre chilometri dalla costa nella zona antistante il Vesuvio

Sei strutture vulcaniche sottomarine sono state localizzate a una distanza poco inferiore ai tre chilometri dalla costa, nel tratto compreso tra Torre Annunziata ed Ercolano, nella zona antistante il Vesuvio. Ad annunciarlo un lavoro pubblicato su Geophysical Reserch Letters condotto da un team di ricercatoti dell’Istituto nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV-sezione Roma1), del Dipartimento Scienze della Terra, dell’Ambiente e delle Risorse (DISTAR) dell’università di Napoli Federico II e dell’Istituto per l’Ambiente Marino Costiero del Consiglio nazionale delle Ricerche (IAMC-CNR).

 

Scoperte nuove strutture vulcaniche, hanno un diametro di 800 metri

Abbiamo rilevato nuovi punti di emissioni di anidride carbonica nel golfo di Napoli – ha affermato Guido Ventura, ricercatore dell’INGVcosa abbastanza comune in aree geotermali e vulcaniche come quella napoletana. E qui abbiamo scoperto sei strutture vulcaniche (coni e duomi) finora sconosciute, con un diametro di circa 800 metri. Sono stati, inoltre, identificati i fronti delle colate laviche vesuviane che si sono riversate in mare in età prevalentemente medioevale“.