Scavi di Pompei, arriva il rincaro dei biglietti

Scavi di Pompei, arriva il rincaro dei biglietti

Nuovi problemi presso gli scavi di Pompei a causa del rincaro dei biglietti e la conseguente dissertazione degli agenti di viaggio

Nuovi problemi all’interno degli scavi di Pompei. A partire dal 26 maggio fino al 2 novembre,  Pompei sarà più cara. Il biglietto di ingresso, infatti, per accedere alla visita dei tesori della perla dell’archeologia, dagli attuali 11 euro passerà a 13 e comprenderà l’accesso alla mostra “Pompei e l’Europa (1748-1943)”.

La notizia è stata annunciata dal soprintendente Massimo Osanna ai maggiori tour operator italiani e a gettato nel panico gli addetti ai lavori.

 

Scavi di Pompei, i crocieristi disertano

Diserteremo Pompei – annunciano gli agenti di viaggioil pacchetto turistico è già stato venduto e non abbiamo nessuna intenzione di rimetterci di tasca nostra“.

Il soprintendente prova a placare gli animi: “Mi preme ricordare che a seguito del successo della mostra del ‘British Museum’, la soprintendenza era stata additata come inabile a realizzare attività di valorizzazione sul proprio territorio, favorendo opportunità economiche di istituzioni straniere“.

Il professor Osanna prosegue: “L’aumento sarebbe giustificato quasi per la sola visita alla vasta area archeologica, il cui prezzo è ormai bloccato da anni. Questo contribuirà ad aumentare gli incassi, necessari, e a coprire i costi per investire in restauri; e invece di essere sostenuti si è comunque oggetto di polemica“.

Ciò che ha portato gli operatori turistici a decidere di disertare Pompei, è l’obbligatorietà dell’aumento del biglietto per una mostra che, secondo loro, non tutti vorranno vedere. I crocieristi, ad esempio, che hanno un tempo di visita programmato, oltre il quale non possono prolungarsi, non potranno di certo visitare la mostra.

Leggi anche: Pompei, il Grande Progetto promosso dall’Unesco – Grande Progetto Pompei: chiesti pareri e considerazioni ai cittadini – Villa dei Misteri, Pompei: apertura posticipata al 20 marzo