Scavi archeologici di Pompei: boom di visitatori

Scavi archeologici di Pompei: boom di visitatori

Il 10% in più di visitatori e 21 milioni di euro nelle casse degli Scavi archeologici di Pompei fanno registrare il Boom per l’anno 2014 e il successo della Soprintendenza Osanna.

Stamane alla presenza della Soprintendenza per i Beni archeologici di Pompei, Ercolano, Stabia, Massimo Osanna è avvenuta la conferenza stampa per la presentazione ufficiale del Progetto speciale Pompei. In base ai dati raccolti l’anno 2014 può dirsi un anno di ripresa del sito, dopo la stagione dei crolli e della vergogna agli occhi del mondo. Positivo è soprattutto il bilancio economico degli Scavi, il quale ha registrato un incremento del 10% rispetto all’anno precedente, ovvero 21 milioni di euro in cassa da reinvestire nella più estesa area archeologica del mondo.

Leggi anche: Dopo “Pompei e l’Europa” Massimo Osanna rilancia con una scuola archeologica

Boom di visitatori agli Scavi archeologici di Pompei sotto il segno della gestione Osanna

Secondo il soprintendente per i Beni archeologici di Pompei, Ercolano e Stabia Massimo Osannaben tredici nuovi edifici sono riaperti. Siamo riusciti a spostare l’attenzione dall’ossessione crolli, i quali quest’anno sono stati di piccolo rilievo, soprattutto se si considera che Pompei è una città di 44 ettari esposta alle intemperie da almeno due secoli, rimanendo il sito archeologico più esteso del mondo; stiamo, inoltre, lavorando anche sul dissesto affinché non avvenga“.

Riapertura del Teatro Grande e di 13 nuovi edifici

Riceviamo finalmente mail di congratulazioni dei visitatori che apprezzano lo sforzo fatto“, soprattutto in seguito alla riapertura del Teatro Grande. “Già quest’anno la stagione si presenta ricchissima, le richieste già saturano l’occupazione del teatro per tutta l’estate, da maggio a settembre inoltrato“.

Grande attesa per la Grande mostra Pompei e l’Europa aperta dal 26 maggio prossimo

Si è poi dimostrata vincente l’iniziativa di integrare l’attrazione che gli scavi archeologici di Pompei, Ercolano e Stabia con le iniziative museali in Italia e all’estero. Un esempio per tutti è, ad esempio, la mostra fotografica in Corea, la quale “ha fatto guadagnare 200mila euro e ha registrato da dicembre oltre 60.ooo presenze“; la mostra farà rete con la futura esposizione permanente nella Palestra Grande degli “affreschi Moregine noti in tutto il mondo” e con “la Grande mostra Pompei e l’Europafissata per il prossimo 26 maggio al Museo Archeologico di Napoli, “quando saranno esposte opere che si sono ispirate a Pompei, da Picasso a Canova e saranno messe a confronto con i pezzi originali“.