Sarri

Sarri: “Crediamo nel secondo posto. Voglio umiltà e determinazione”

Maurizio Sarri tiene molto alta la soglia dell’attenzione alla vigilia dell’anticipo di domani al San Paolo. Le parole del tecnico sono chiare e dirette

“Domani voglio umiltà e determinazione, mi aspetto una prova di forza e maturità perchè il Cagliari è sereno ed è in salute“. Maurizio Sarri tiene molto alta la soglia dell’attenzione alla vigilia dell’anticipo di domani al San Paolo. Le parole del tecnico sono chiare e dirette.

“Affrontiamo un avversario tranquillo, con la testa libera. Questo può essere un problema per noi. Tra l’altro dopo il risultato dell’andata vorranno riscattarsi e dimostrare che non meritavamo quel punteggio”.

“Verranno al San Paolo a fare una partita tosta e noi non dovremo sbagliare niente. Il primo requisito che dovremo mostrare è l’umiltà e il secondo è la determinazione unita alla cattiveria sportiva”.

“Per noi è una gara importantissima e dovremo essere intelligenti a comprendere che sarà un match che nasconde insidie. Dobbiamo avere forti motivazioni, in caso contrario dimostreremmo di non essere una grande squadra”.

Credete al sorpasso sulla Roma?

Alla Roma non manca niente, ha una rosa forte, ha fatto risultati importantissimi ed è avanti a noi, quindi dipenderà molto da loro. Noi dobbiamo solo pensare a fare quanti più punti sarà possibile, ci crediamo alla conquista del secondo posto, questo è certo e doveroso”.

“Dobbiamo disputare un finale di stagione di alto livello, per raggiungere un risultato storico ovvero due secondi posti consecutivi. Questo ci darebbe ulteriore energia e convinzione per il futuro”.

Che effetto vi fa vedere che la possibile finale di Champions è tra Juve e Real, dopo le due sfide col Napoli?

“Aver affrontato le due eventuali finaliste della Champions in due manifestazioni diverse, è un caso su un milione. Ma è anche la dimostrazione che ce la siamo giocata con due squadre forti e siamo stati in partita nella doppia sfida. Questo ci dà l’indicazione che stiamo crescendo. Questo è uno dei cicli più belli e gratificanti della storia del Napoli. Poi se parliamo del campo internazionale, forse non siamo ancora ad alti livelli”.

Come sta Hamsik, sarà della gara?

Marek ieri ha fatto una parte di allenamento col gruppo. Il dottore mi ha detto che non corre grandi rischi e vedremo tra oggi e domani se è il casi di farlo giocare”.

Se non  giocasse Marek dall’inizio, chi lo sostituirebbe potrebbe essere la volta di Rog o Zielinski?

“Rog è cresciuto tantissimo, ha tanta qualità e soprattutto credo che avrà un futuro importante da centrocampista. Per ciò che riguarda Zielinski, l’ho già detto tante volte: è un potenziale fuoriclasse. Però al momento è giovane e viene da stagioni in cui giocava 30 partite. Gradualmente si abituerà col tempo a stagioni più intense, ma l’ho visto molto bene negli ultimi giorni ed ha dato tanti segnali positivi tanto è vero che ha giocato con continuità

Fonte: sscnapoli.it