Salvatore Di Giacomo: i suoi versi sulla scalinata di piazza Fuga, Vomero

Salvatore Di Giacomo: i suoi versi sulla scalinata di piazza Fuga, Vomero

Apparsi sulla scalinata di piazza Fuga, Vomero, versi del poeta napoletano Salvatore Di Giacomo, Iniziativa della libreria ad azionariato popolare Iocisto.

Se vi trovate a salire i gradini della scalinata di piazza Fuga, Vomero, vi imbatterete nei versi di ‘Palomma ‘e notte‘ del poeta, drammaturgo e saggista napoletano Salvatore Di Giacomo. L’iniziativa è stata presa dai sostenitori della libreria ad azionariato popolare Iocisto, una delle tante iniziative per avvicinare le persone alla lettura.

Salvatore Di Giacomo – Palomma ‘e notte

Il poeta napoletano, Salvatore Di Giacomo, è uno dei due protagonisti della poesia ‘Palomma ‘e notte‘, l’altro o meglio l’altra è una farfalla, ovvero Elisa Avigliano. La poesia racconta appunto la travagliata storia d’amore tra i due, dove il poeta vorrebbe allontanarla ma si brucia la mano. “Tiene mente ‘sta palomma, Comme ggira, comm’avota, Comme torna ‘n’ata vota. ‘Sta ceroggena a tentà! Palummè, chist’è ‘nu lume, Nun è rosa o giesummino, E tu a fforza ccà vvicino. Te vuò mettere a vulà! Vattenn’ ‘a lloco! Vattenne, pazzarella! Va’, palummella, e torna, E torna a ‘st’aria. Accussì fresca e bella! ‘O bbì ca i’ pure. Mm’abbaglio chianu chiano, E ca mm’abbrucio ‘a mano. Pe’ te ne vulè caccià?…