Salone del libro di Torino, la regione ospite è la Campania

Salone del Libro di Torino, il tema dell’evento in programma dal 14 al 18 maggio, che vedrà la Campania come protagonista, è Altre forme di vita.

Altre forme di vita è un’esortazione a fantasticare sulla fisionomia umana negli anni a venire, a un decennio dai traguardi fissati dell’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile“. Il direttore editoriale Nicola Lagioia spiega così la scelta del tema dell’edizione 2020 del Salone Internazionale del Libro di Torino, dal 14 al 18 maggio nei tre padiglioni di Lingotto Fiere, Oval e Centro Congressi. Cinque giorni di dialogo intorno ai libri e alla lettura per immaginare il futuro dell’umanità con oltre 2.000 tra scrittori, filosofi, scienziati, artisti, economisti. Ci saranno due focus internazionali su Irlanda e Canada, mentre la regione italiana ospite sarà la Campania. Attenzione ai temi sollevati dalle nuove generazioni con l’ambiente protagonista: i giovani di Fridays For Future avranno uno stand e ci sarà il Bosco degli Scrittori.

 

La trentatreesima edizione del Salone del Libro

La trentatreesima edizione del Salone – la più grande fiera dell’editoria italiana con più di 1.200 editori, 1.300 eventi con autori da tutto il mondo in 63.000 mq di spazi espositivi – è stata presentata, all’Auditorium Vivaldi della Biblioteca Nazionale Universitaria di Torino, da Silvio Viale, presidente dell’Associazione la Città del Libro; Giulio Biino, presidente della Fondazione Circolo dei lettori, Elena Loewenthal, direttore della Fondazione Circolo dei lettori e Lagioia. In sala la sindaca Chiara Appendino con l’assessora Francesca Leon, il governatore del Piemonte Alberto Cirio con la numero uno della Cultura regionale Vittoria Poggio. Annunciati da Lagioia i primi ospiti: Salman Rushdie; Annie Ernaux; Edna O’Brien; Gabrielle Filteau-Chiba; Thomas Piketty e i concerti dell’Orchestra Scarlatti Junior, di Pat Metheny e di Francesco Bianconi. Svelato anche il manifesto, opera dell’illustratrice Mara Cerri, che con elementi umani, vegetali e animali intreccia natura e cultura.

Il prefisso SalTo diventa comune denominatore per tutte le attività. All’interno del Salone – spiega Lagioia – sorgerà un vero bosco realizzato in piena sostenibilità con alberi, cespugli, manti erbosi. È il Bosco degli scrittori, progetto di Aboca Edizioni in collaborazione con il Salone del Libro: uno spazio pensato per immergersi nella natura e partecipare a incontri, letture, presentazioni, dibattiti sui temi dell’ecologia e della letteratura.Inoltre, il Salone siederà al tavolo tecnico di Francoforte 2023, anno in cui l’Italia sarà il Paese ospite della fiera.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *