Rosaria Capacchione: "Ci sono persone nelle liste che sono vicine ai clan, ma incensurate"

Rosaria Capacchione: “Ci sono persone nelle liste che sono vicine ai clan, ma incensurate”

Rosaria Capacchione parla del suo personale screening sui nomi di chi si è presentato alle ultime elezioni regionali, persone vicine ai clan, ma incensurate

Rosaria Capacchione (Pd), componente della commissione Antimafia, spiega al Corriere del Mezzogiorno che è in atto un suo “personale screening” sui nomi di chi si è presentato alle ultime elezioni regionali. “Insieme con gli impresentabili inseriti nell’elenco dell’Antimafia, una lista su cui ho espresso il mio personale dissenso, ci sono almeno una decina di candidati, di tutti gli schieramenti, che risultano gravitare nell’orbita dei clan“.

 

Rosaria Capacchione: “Sto studiando i dati, poi mi confronterò con i colleghi dell’Antimafia”

Ci sarà una conferenza stampa della stessa Antimafia con la divulgazione dei nomi sospetti? “Non lo so – ha risposto la Capacchione – Sto studiando ancora i dati, poi mi confronterò con i colleghi dell’Antimafia. Questo lavoro che sto svolgendo è nella linea di quanto si va dicendo da tempo, e cioè che le mafie hanno cambiato pelle, sono in giacca e cravatta e si insinuano nelle istituzioni. Ovviamente, quelle di cui parliamo, non sono delle persone pregiudicate. Sui loro nomi, però, i partiti locali avevano già espresso delle riserve”.

 

Rosaria Capacchione: “Non si può mettere assieme la vicenda di De Luca con reati attuali di altri candidati”

Rosaria Capacchione ribadisce di non aver condiviso le modalità di divulgazione della lista degli impresentabili. “Più che un lavoro di applicazione rigida dei carichi pendenti – spiega – occorreva svolgere un’attività di analisi. Perchè non si può mettere assieme la vicenda di De Luca, per un fatto di 20 anni fa, insieme con reati attuali di altri candidati“. Qualcuno ha visto in questa diffusione una sorta di killeraggio politico. È d’accordo? “Di sicuro – risponde la Capacchione – è stato un fatto inopportuno perchè era il giorno prima del silenzio”.