Roma-Napoli, l’Analisi Igniorante

La pagina Facebook L’Analisi Ignorante ha condiviso un divertentissimo intervento sulla scorsa partita Roma-Napoli. Ecco cosa hanno detto!

 

ROMA- NAPOLI: L’ANALISI IGNIORANTE

Sia benedetta la sosta. Durante la quale abbiamo potuto parlare di cose interessantissime, quali ad esempio il Congresso delle famiglie che si è tenuto a Verona e durante il quale è emersa la visione illuminata del ruolo della donna in Società, cioè sostanzialmente quello di starsene chiusa in casa a sfornare prole per l’italica patria.

Sia benedetta la sosta. Che ci ha permesso di scoprire le virtù del Drogba italiano, il giovane Kean, la cui quotazione, dopo il gol contro l’ostico Liechtstein, secondo i cronisti Sky si aggira ora intorno ai 150 Milioni di Bitcoin. Già pronta un’asta miliardaria in estate, con Sassuolo, Udinese e Genoa pronte a tutto pur di accaparrarselo.

Sia benedetta la sosta. Che ci ha fatto stringere intorno alle cose veramente importanti. Ad esempio l’infortunio di Cristianuccio Ronalduccio, che ha tenuto tutti, ma proprio tutti, col fiato sospeso, di fronte alla nefasta possibilità, poi scongiurata, che saltasse la proibitiva trasferta di Amsterdam.

Sia benedetta la sosta, soprattutto quando se ne a fanculo e così vedi che anche un campionato smorto come la Serie A ridesta improvvisamente interesse.

Anche perché c’è la Roma e contro i giallorossi ci sono sempre ragioni, anche extrapallonare, per dare il massimo.
Siamo entrambi incerottati, ma il Napoli non fa sconti.
Primo giro di lancette, percussione di Verdi con scucchiaiata finale per Milik PIM PATAPIM PATAPAM KABLAAAMM
(ve lo riassumo con i suoni poi voi ve lo andate a vedere e rivedere perché merita)
IL PURPOOOOO IL PURPISSIMOOOOOO CHE PACCO CHE PARACARRO VULIMMO ‘O TOPPLEIER….
CHE HA COMBINATO, MARO’. 0-1.

La Roma è depressa. Lo si capisce chiaramente. Ed è bello perché, quando la Roma è depressa la partita può sempre assumere le tinte dello PSICODRAMMA.
Noi però non siamo sufficientemente cinici. Un paio di contropiedi buttati, Verdi che centra Olsen da due passi, un gol annullato per fuorigioco millimetrico a Milik.

E così, dopo aver trascorso il primo tempo a mandare i giallorossi a comprare il sale e il pepe riusciamo nell’impresa di farci raggiungere proprio allo scadere di un insensato recupero, durante il quale Meret stende Schick ed è rigore.
Io al Fantacalcio tengo a Dzeko e Schick e li ho schierati entrambi col chiaro scopo di gufarli. Ho messo dentro pure a El Shaarawi perché non si sa mai. Giustamente non avevo considerato Perotti. 1-1.

“Simmefratrocazz, simmefratrocazz, simmefratrocazz”. Questo il leit motiv, che accompagna la mia passeggiata col cane durante l’intervallo. Temo che adesso lo abbia registrato come comando. Non ho capito bene quale.

Per fortuna, le mie paturnie durano poco stavolta. Il tempo di ammirare una Roma un po’ più gagliarda (non che ci volesse molto in effetti) e subito gli azzurri colpiscono,
Tiro rimpallato di Mertens, diventa una palla buona per Callejon che crossa al centro, BUCO clamoroso di Olsen che si lascia sfilare la sfera da sotto alle mani e a Mertens non resta altro che menarla dentro a porta vuota, andandosi poi a prendere i meritati osanna sotto il settore ospiti.

Il Napoli stavolta non fa l’errore di specchiarsi e scatena il killer instinct.
Trascorrono solo cinque minuti e andiamo di nuovo a segno. Tre tocchi. Kouly per Fabian Ruiz che sbeffeggia Capitan Trapassato e pesca Verdi che col piattone cala il tris. 1-3

Claudione Ranieri, che già si starà maledicendo per non essere rimasto oltremanica a campare di rendita sui fasti di Leicester invece di tornare a Roma a cercare di rimettere in piedi sta banda di cucuzzari, pesca la carta (la mamma di) Zaniolo.
Ricordiamo che in questo caso ma solo in questo caso anteporre ‘(la mamma di)’ a ‘Zaniolo NON equivale ad un insulto. Casomai, ad un invito ad uscirle.

A proposito di (la mamma di) Zaniolo, noi rispondiamo con Ciucia Bionda Malcuit, poi con Younes per Verdi. In precedenza, Ciruzzo aveva lasciato il campo per una botta, rilevato da Ounas.

La Roma potrebbe ancora una volta incredibilmente rientrare in partita ma Nzonzi su corta repinta di Meret centra la traversa da due metri. Eh, un poco di ciorta pure a voi, diamine. Non è che sempre a noi sempre a noi.
Milik potrebbe chiuderla poco dopo, ma Manolas salva tutto in scivolata.

Appuntamento rimandato solo di qualche minuto però. Younes su un’uscita difettosa dei giallorossi, semina il panico in area e di potenza fa secco Olsen dopo una prima respinta. 1-4

Sono questi i momenti in cui mi viene voglia di andarmi a fare un giro sui FORUM GIALLOROSSI
OH, MA QUANTO SONO CATTIIIIIIIIIIIIIIIIIIVO.

Mezzo voto in più ad Allan per la scena alla Holly e Benji in cui si stende a terra sulla punizione per evitare che Kolarov calci rasoterra. Non sarebbe cambiato una mazza, ma è stato comunque bello.

Finisce 1-4. Olimpico violato. Senza neanche troppo sforzo, il Napoli passeggia sui resti della Roma, blinda la Champions e si appresta a vivere gli ultimi due mesi di campionato da spettatore divertito della battaglia per gli ultimi posti Champions, tutti, si badi, contesi da squadre che in estate erano ‘grigliate’ davanti a noi. In attesa di vedere se e quanto l’#OperazioneBaku proseguirà

Quando ti senti triste che tieni a Adl, pensa che potevi nascere romanista, avere Pallotta come Presidente ed oggi brindare all’ennesimo progetto tecnico fallito.

In tutto questo, oggi è scattata l’ora legale e infatti la Juve ha giocato ieri.
Ohohoh ma quanto sono simpatico

E’ tornata la #serieA, fate tornare anche CHIFFIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIII

Vado a followare (la mamma di) Zaniolo, ciao

#RomNap #ForzaNapoliSempre #OperazioneBaku

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *