Rom chiede il pizzo ad altri Rom per l’occupazione delle baracche

Succede al campo di via Brecce a Sant’Erasmo: Rom chiede il pizzo ad altri Rom per l’occupazione di alcune baracche. “Così state tranquilli”. Arrestato

Un Rom chiede il pizzo ad altri Rom. Ha i contorni inquietanti di una guerra tra poveri quanto accaduto nel campo Rom di via Brecce a Sant’Erasmo, dove un cittadino rumeno di etnia Rom è stato arrestato per aver cercato di estorcere denaro per l’occupazione di una baracca.

Rom chiede il “pizzo” a 3 connazionali per il “fitto” di una baracca

Le vittime sono tre connazionali del 21enne arrestato: un uomo di 25 anni e due donne di 33 e 45, che abitano in una delle baracche del campo nomadi. Proprio sull’occupazione di questa baracca il 21enne avrebbe cercato di ottenere il pagamento di un “pizzo”, una sorta di affitto, “per stare tranquilli”. 240 euro al mese la somma richiesta: un affitto un po’ caro, considerando che si tratta di una baracca.

Al rifiuto delle vittime, l’aggressione: il Rom 21enne è stato bloccato dai carabinieri

L’estorsore però non ha voluto sentire ragioni: al rifiuto delle vittime di consegnare quanto richiesto, sarebbe passato alle vie di fatto, aggredendole con violenza. A questo punto è scattata la telefonata al 112: i carabinieri sono intervenuti d’urgenza e hanno bloccato l’uomo mentre cercava di darsi alla fuga a piedi. Dovrà rispondere dell’accusa di tentata estorsione e lesioni personali.