Rischio Liverpool in Europa League, Benitez vuole il primo posto

Avalla la tesi del Pipita Benitez, con quel “tutta la squadra deve responsabilizzarsi” che sa di chiamata alle armi, ma al tempo stesso non dimentica che chi ci mette la faccia è lui. “La prima cosa che ho fatto oggi è stata dire “buon compleanno” a Higuaìn: lui ha detto che la crescita passa per un lavoro di squadra, ma è altrettanto vero che l’allenatore come i giocatori più importanti devono stare davanti, così che gli altri possano seguirli.”

Sempre con la stessa mentalità, del giocare partita per partita, ma non crediate che Benitez non cambi gli errori commessi: “è vero,” prosegue il tecnico, “possiamo migliorare solo continuando a lavorare, ma non crediate che lavoriamo sempre allo stesso modo; analizziamo le situazioni e nel caso, sappiamo come affrontarle.” Purtroppo la squadra si trova in un periodo di grande difficoltà dovuto soprattutto al fatto che spesso la squadra “manca di mestiere”: troppi cali di concentrazione e di intensità per raggiungere traguardi importanti.

“Dobbiamo migliorare la fase difensiva”, ha continuato Benitez, “questo è un problema che devo risolvere  ma se devo scegliere, meglio vincere 3-2 che 1-0. I sorteggi di Europa League? Meglio che non dica nulla, potremmo prendere il Liverpool..” Su una cosa invece Rafa è sicuro: Marek Hamsik è il capitano inamovibile di questo Napoli. Proprio per il momento che sta attraversando, lo slovacco merita tutta la fiducia di Benitez: “domani gioca sicuramente Hamsik più altri 10” ha chiuso laconico Benitez, riproducendo lo stesso schema che aveva visto Rafael a Praga. A proposito di Rafael, anche qui c’è un discorso di fiducia: gioca lui non perché Andujar non sia in forma, ma proprio per rassicurare il brasiliano sul proprio operato.