Ricercatori napoletani scoprono il meccanismo che blocca i tumori

Tumori: ricercatori napoletani scoprono la descrizione di un meccanismo biologico la cui inibizione porta al blocco della crescita delle cellule tumorali

Una delle più importanti scoperte in campo scientifico oncologico, arriva dall’Istituto Tigem di Pozzuoli, dall’equipe di ricerca guidata guidato da Andrea Ballabio, direttore dell’Istituto e professore ordinario di Genetica medica all’Università Federico II di Napoli. La rivista Science pubblica l’esito del lavoro dei ricercatori che riguarda la descrizione di un meccanismo biologico la cui inibizione porta al blocco della crescita delle cellule tumorali.

 

Tumori: la rivista Science pubblica lo studio del Tigem di Ballabio

La scoperta si basa sullo studio dei lisosomi, piccoli organelli che si trovano all’interno delle nostre cellule, coinvolti in un ampio gruppo di malattie genetiche rare. Il lavoro dell’equipe del Tigem conferma che i lisosomi funzionano come veri e propri termovalorizzatori, ricavando energia da molecole che ormai non servono più. Le ricerche condotte dagli scienziati di Pozzuoli confermano che proprio la rottura di questo meccanismo porta alla crescita delle cellule tumorali, alle recidive, come nel caso dei melanomi e dei tumori del rene e del pancreas. Secondo le risultanze della ricerca dunque, l’inibizione di questo meccanismo blocca la crescita tumorale, suggerendo così una nuova strategia per la terapia dei tumori. Si tratta di una vera e propria svolta nella lotta al cancro, un lavoro duro e lungo condotto da 16 gruppi di ricerca per un totale di 161 alte professionalità della ricerca scientifica e finanziato dalla Fondazione Telethon al quale si è aggiunto un contributo dell’Airc.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *