Reperti romani in centro fisioterapico nel Napoletano: due denunciati

Reperti romani in centro fisioterapico nel Napoletano: due denunciati

Trovati reperti romani in un centro fisioterapico nel Napoletano. Denunciati i titolari per ricettazione e impossessamento illecito di beni culturali

Un’anfora e frammenti di tegole e marmi di epoca romana, risalenti al I secolo avanti Cristo sono stati trovati e sequestrati dai carabinieri in un centro fisioterapico di Sorrento (Napoli). I due titolari del centro sono stati denunciati con l’accusa di ricettazione e d’impossessamento illecito di beni culturali appartenenti allo Stato.

 

Trovati reperti romani: sequestrati e catalogati

La scoperta è stata fatta dai militari nel corso di una ispezione: alcuni reperti erano su un terrazzino della struttura. Altri pezzi, frammenti di tegole, di marmi, di intonaco e di vasellame, invece, erano stati sistemati in altri spazi del centro e nell’abitazione dei titolari. I reperti sono stati sequestrati e catalogati con l’aiuto di personale della Soprintendenza di Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per l’area Metropolitana di Napoli.