Rapina e botte a Napoli: arrestato il figlio di un boss

Rapina e botte in un parcheggio del multisala a Napoli. Arrestato un 26enne figlio di un boss del clan Vastarella del quartiere Sanità

Rapina e botte in un parcheggio del multisala: violenza, quella messa in atto lo scorso 16 marzo, per il quale è scattato l’arresto per un 26enne, il cui nome non è stato reso noto: è il figlio di un boss del clan Vastarella del quartiere Sanità di Napoli. Sono stati i carabinieri ad eseguire l’ordinanza di custodia cautelare in carcere per rapina aggravata, lesioni personali e violenza privata.

 

Rapina e botte a Napoli: due complici arrestati nel giugno scorso

Era il 16 marzo scorso, all’interno dell’area di parcheggio di un cinema multisala della provincia, quando fu compiuta una rapina ai danni di due giovani. Alcune persone, giunte a bordo di due autovetture prima si avvicinarono al veicolo delle vittime: un giovane fu bloccato, l’altro fu colpito con pugni, schiaffi e calci. L’attività investigativa ha consentito di ricostruire il ruolo del 26enne arrestato ritenuto una degli autori insieme ai complici; due già tratti in arresto nel giugno scorso in esecuzione di un analogo provvedimento cautelare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *