rom

Rifiuti, la raccolta differenziata dei rom a Napoli per recuperare e riciclare

La raccolta differenziata dei rom a Napoli per recuperare e riciclare rifiuti gettati nei cassonetti. A notarlo, gli attivisti dell’associazione No Comment.

La raccolta differenziata dei rom a Napoli, nel centro storico, per recuperare e riciclare rifiuti gettati nei cassonetti. A notarlo, gli attivisti dell’associazione No Comment.

Nel centro antico di Napoli, dove la raccolta differenziata arranca a causa della scarsa collaborazione dei cittadini, piccoli gruppi di etnia rom sopravvivono recuperando e riciclando i rifiuti gettati nei cassonetti indiscriminatamente. A notare questi romriciclatori‘ sono stati gli attivisti dell’associazione No Comment che da anni studia i cambiamenti sociali che avvengono nel cuore di ‘Partenope’.

 

A Napoli la differenziata alternativa dei rom

rom
La raccolta differenziata alternativa a Napoli

Scarpe con qualche difetto, vestiti vecchi ma non logori, tv e piccoli elettrodomestici obsoleti ma ancora funzionanti, che diventano pane per chi non ha un lavoro. Una differenziata ‘alternativa’ praticata dalle 10 alle 24, tutti i giorni, 365 giorni l’anno. “Gli uomini vanno ‘al lavoro’ la sera, intorno alle 21,30, – dice Antonio Alfano, che da anni è parte integrante di questa associazione – armati di guanti, carrellini di cartone e attrezzi ‘fatti in casa’. Sono perlopiu’ giovani di eta’ tra 16 e 18 anni, ragazzi e talvolta anche ragazze“.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *