Querelle stadio, Calcio Napoli: paghiamo subito

La società sportiva di De Laurentiis si è detta immediatamente disposta a saldare il suo debito con il Comune per il pagamento del canone di affitto dello Stadio

Aurelio De Laurentiis è disposto a pagare, e subito, i canoni in sospeso per l’uso dello stadio San Paolo al Comune di Napoli. La società sportiva ha infatti inviato oggi una lettera, firmata dai suoi avvocati, in cui chiede al Comune di inviare al più presto le fatture, per comunicare a quanto ammontano gli arretrati da pagare per “l’affitto” dello stadio.

Sette giorni di tempo.

Il Comune quindi avrà 7 giorni di tempo per presentare le fatture: in caso di ritardo il Calcio Napoli potrà rivolgersi ad un istituto di credito per saldare il suo debito. Stando a quanto affermato dalla società sportiva, le fatture sarebbero state più volte richieste al Comune, che non le avrebbe mai inviate.

Ristrutturazione dello stadio.

Insomma, dopo la polemica scoppiata per il mancato accordo sulla gestione dello Stadio, oggi i soldi sarebbero pronti, a patto che dalla somma dovuta dal Calcio Napoli al Comune vengano sottratte le cifre impiegate dalla società per ristrutturare il San Paolo in vista dell’Europa League.