“Quartieri Spagnoli, Italia”. A Tg2 Dossier il reportage realizzato da quattro ragazzi dei Quartieri Spagnoli (VIDEO)

Presentato oggi in anteprima al Teatro Nuovo di Napoli, il reportage andrà in onda in seconda serata su Rai Due in due puntate, il 21 e il 28 dicembre

di Dario Belfiore

C’è un po’ dei Quartieri Spagnoli in tutta Italia. A dimostrarlo un reportage, “Quartieri Spagnoli, Italia“, proiettato questa mattina in anteprima al Teatro Nuovo di Napoli. Realizzato dal Tg2 in collaborazione con l’associazione “Socialmente Pericolosi” e “Actionaid”, il reportage narra il viaggio di quattro ragazzi dei quartieri, Mariano, Giovanni, Giuseppe e Gennaro, che attraversano l’Italia da Reggio Calabria a Sagron Mis in Trentino, passando per Padova, Bologna, l’Emilia-Romagna e l’Aquila. Si troveranno così a scoprire un mondo che credevano esistesse soltanto a Napoli, un viaggio in un’Italia oscura e vittima – ovunque – delle mafie.

Un viaggio che però non è solo negatività. Durante il percorso i quattro ragazzi incontreranno tante persone che lottano ogni giorno per far sì che le cose funzionino; gente che li accoglie come fratelli e che, seppur in zone diverse d’Italia, si trova a vivere situazioni molto simili alle loro: dai giovani ragazzi che hanno fatto venire a galla lo scandalo delle infiltrazioni mafiose in Emilia, ai commercianti esasperati per la malavita incalzante a Padova, agli abitanti di Sagron Mis che non vogliono che il loro paese scompaia, alle organizzazioni aquilane che ancora oggi attendono aiuti per il terremoto.

GUARDA IL VIDEO:

 

Alla proiezione erano presenti Marcello Masi direttore del Tg2 , Donato Placido reporter di Tg2 Dossier, Marco de Ponte, segretario generale Actionaid e Fabio Venditti, coordinatore dell’associazione “Socialmente Pericolosi”; presente anche Paolo Fabbri che con il suo gruppo si è esibito dal vivo, suonando parte delle canzoni che hanno costituito la colonna sonora del reportage, che verrà proiettato in seconda serata su Raidue in due parti, la prima il 21 dicembre, e la seconda il 28.

18 dicembre 2013

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *