Premio Napoli

PREMIO NAPOLI

di Anna Copertino

Dal 5 ottobre al 5 novembre la Fondazione Premio Napoli offre alla città un mese ricco di scrittori, passeggiate, libri, idee e lezioni.

A piedi verso Miradois, il  5 Ottobre alle 16.00  a Piazza Cavour, per l’Osservatorio Astronomico, sede dell’incontro con Italo Ferraro, autore dell’Atlante della città storica che presenterà il volume relativo al quartire San Carlo all’Arena e la Mappa dei Miracoli, realizzata per il Premio Napoli 2011.

Oggi 5 Ottobre è iniziato il Premio Napoli 2011,  il via è stato dato, con una passeggiata, a cura dell’Associazione “Miradois Onlus”, in un percorso tutto in verticale tra i vicoli,  logge, scale e  antiche mura, partendo da Piazza Cavour, attraverso la Salita Miradois e la Salita della Riccia: un percorso verticale che unisce, in poco meno di mezz’ora, tre importanti centri culturali della città, il Museo nazionale, quello di Capodimonte e l’Osservatorio astronomico. Alla fine della Salita vi è una porta che, generalmente chiusa ed aperta per l’evento, collega direttamente all’Osservatorio Astronomico di Capodimonte. La passegggiata ci ha mostrato, nel modo più autentico e vero i  quartieri e i territori di questa zona di Napoli. Solo camminando tra i suoi vicoli, si può scorgere, vivere e respirare la vera Napoli. Tanti i lettori, del Premio Napoli che hanno aderito all’iniziativa, scegliendo di raggiungere a piedi l’Osservatorio Astronomico, infatti circa 200 persone, guidate dal Dott. Antonello Pisanti, presidente dell’Ass.ne “Miradois”  hanno percorso quelle vie, per molti aspetti sconosciute, ammirando scorci di panorama di una Napoli da cartolina.  L’essenza del Premio Napoli 2011, giunto alla 57° edizione, grazie alla sinergia di numerose istituzioni, ( tra i tanti : Regione Campania, Provincia di Napoli, Unione Europea,  Banco di Napoli, Università Federico II di Napoli,  Carcere di Poggioreale), è proprio il movimento e, Napoli  con i suoi vicoli, salite, scale e rampe dei Miracoli è perfetta. Un pezzo di città verticale – “si sale percorrendo la salita Miradois o la Riccia, si scende, lungo i tornanti che passano vicino alla Torre del Palasciano per sbucare nella piazza dei Miracoli” dice Silvio Perrella, presidente della  fondazione Premio Napoli, che rappresenta bene l’idea delle letture in movimento sposata, già da qualche anno, dalla Fondazione.

Importante in questo viaggio nel quartiere dei Miracoli è il sesto Atlante della Città Storica di Italo Ferraro, dedicato al quartiere San Carlo all’Arena, che ha inaugurato il Premio Napoli, nell’Auditorium dell’Osservatorio.Sempre nella serata è stata presentatala Mappa dei Miracoli realizzata da Pippo Pirozzi.  Presenti all’evento l’assessore comunale alla cultura Antonella Di Nocera, ed il direttore dell’Osservatorio Astronomico Prof. Massimo Della Valle. Lo stesso aspetto itinerante, che caratterizza il Premio Napoli, continua con la scelta del luogo per la premiazione dei vincitori di quest’edizione. Infatti, si è scelta la Rimessa Carlo III , uno dei cinque depositi della Anm, l’Azienda Napoletana di mobilità. Un mese di letture , scrittori, passeggiate ed incontri, che si concluderà con  la premiazione degli autori da una giuria tecnica, composta dal presidente Silvio Perrella,  e tra gli altri  da Rosanna Capocchione, Silvia Bortoli e al Dott. Raffaele Cantone, oltre alla rete di più di 3mila lettori. Tra i vincitori ci sono Ruggero Cappuccio con “Fuoco su Napoli”, Paul Auster con “Sun set Park” e Salvatore Settis, con “Paesaggio costituzione cemento” premio speciale della fondazione Premio Napoli 2011.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *