Premio miglior attrice non protagonista a Marina Confalone : “Dedico la vittoria alla mia terra”

Voglio dedicare questo premio alla nostra terra, alla Campania e ai napoletani che hanno buona volontà”. E’ con queste parole che Marina Confalone ringrazia la platea per il premio come migliore attrice non protagonista nel ruolo di “Zi’ Marì” nel film “Vizio della speranza” ai David di Donatello edizione 2019. Conosciuta dai napoletani per la sua presenza in pellicole come “Così parlò Bellavista”, il riconoscimento dell’Oscar italiano a Marina Confalone ha suscitato l’orgoglio di tutti i partenopei.
Ai David di Donatello, a trionfare è stato Dogman, che ha fatto incetta di premi. Su un totale di 16 candidature ha, infatti, vinto 9 David tra cui i più ambiti: miglior film, migliore sceneggiatura originale, miglior regia e migliore attore non protagonista che è andato a Edoardo Pesce.
Tra i premiati anche Elena Sofia Ricci per il suo ruolo in “Loro”, come migliore attrice protagonista e Alessandro Borghi per “Sulla mia pelle”, distribuito da Netflix e Lucky Red, dedicato alla vicenda di Stefano Cucchi, al quale ha dedicato il premio.
Durante la cerimonia di premiazione, in onda su Rai Uno, il presentatore Carlo Conti ha annunciato che “le sale cinematografiche saranno aperte anche d’estate”. Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, aveva sottolineato che “Il cinema è fondamentale non solo per l’encomia, ma anche e soprattutto per la cultura del Paese”. Il fatto che le sale siano aperte anche d’estate rende possibile una più completa diffusione della cultura e dei protagonisti che non sono solo gli attori.
Antonella D’Errico 
Giovanni D’Errico 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *