Posillipo, un esame da 27

a cura di Emanuele La Veglia, Francesco Monaco e Diego Scarpitti

Nella sesta giornata di ritorno il Posillipo batte 11-8 la Lazio, consolidando il quinto posto in classifica. Nona vittoria stagionale, 162 gol fatti e 148 subiti. 27 punti conquistati meritatamente. Vendicata la sconfitta dell’andata, quando i capitolini si imposero 9-8. Continua il percorso di crescita dei rossoverdi.

Contro una Lazio spigolosa e sempre in partita, i posillipini non deludono il pubblico amico alla Scandone. Nonostante le numerose difficoltà a perforare la difesa avversaria, l’equilibrio per tre tempi, l’organizzazione meticolosa di Pierluigi Formiconi impartita ai suoi, il team di Occhiello riesce a scardinare la porta del granitico Gazzarini e a prevalere nettamente nell’ultima frazione di gioco.

Nessuna delle due formazioni prende il comando delle operazioni, fino a quando emerge il carattere dei padroni di casa, desiderosi di conseguire un utile risultato. Molto positiva la prova del capitano Gallo, autore di 4 gol, che guida i suoi compagni al successo. Tripletta per Renzuto Iodice e doppietta per Baraldi. Assente invece Saccoia.

Questi i parziali del match: 2-2; 1-1; 2-2; 6-3.

Vittorioso e Leporale aprono le marcature. Rispondono Gallo e Baraldi. Nel secondo tempo “nulla di nuovo sotto il sole”. Gitto e Gallo (il suo un gol straodinario) sul tabellino. Nel terzo quarto Posillipo per la prima volta in vantaggio con Renzuto. Dopo poco pareggio di Gianni. Per smuovere le acque Occhiello decide di togliersi la giacca. Alla Mazzarri. Scaramanzia e non solo. Le temperature salgono e aumenta la voglia di vincere.

Nuovamente Gitto per il momentaneo vantaggio e poi Bertoli dalla distanza per il 5-5. Gli ultimi 8’ vedono il Posillipo dilagare e chiudere definitivamente la gara. Si sprigiona quindi il potenziale offensivo dei rossoverdi: martellante la carica finale dei padroni di casa. Gallo e Renzuto realizzano due gol ciascuno con l’uomo in più, il delizioso pallonetto di Toth ammalia gli astanti, infine il capolavoro di Baraldi impreziosisce il pomeriggio napoletano. Per i biancocelesti Gitto, Sebastianutti e il rigore allo scadere di Gitto non modificano lo scenario.

Complimenti a Baraldi, Gallo e Renzuto per la convocazione in nazionale.

Vai Posillipo. Il 30 ti aspetta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *