Posillipo-Recco 6-13. Terza sconfitta consecutiva alla piscina Scandone

A cura di  Emanuele La Veglia, Diego Scarpitti e Francesco Monaco

Nella 5ª giornata di A1 alla piscina Scandone il Posillipo viene sconfitto pesantemente dal Recco 6-13.

Terza sconfitta casalinga consecutiva per i rossoverdi, che non riescono a far sorridere i propri tifosi accorsi nel pomeriggio. Il risultato di oggi rispecchia i valori in acqua e i punti in classifica: campioni d’Italia a 12, posillipini a 6.

Contro la corazzata ligure i padroni di casa possono ben poco: evidente il gap tecnico e di esperienza. A seguito della inaspettata battuta d’arresto rimediata con il Bogliasco, la squadra di Occhiello non riparte a dovere e non fornisce una prova convincente. Assenti Bertoli, Foglio e Cuccovillo.

Questi i parziali dell’incontro: 2-5; 2-1; 1-4; 1-3. Il Recco fa della controfuga la sua arma migliore: micidiale nelle ripartenze.

Nel 1° quarto Giacoppo realizza la prima rete dell’incontro dopo 24”. Baraldi ristabilisce il momentaneo pareggio 1-1: il tutto in 50”. Gli ospiti prendono il comando delle operazioni in scioltezza con una manovra fluida. Madaras, Giacoppo, Figarie Figlioli portano le lunghezze a +4. Prima della sirena Kovacs accorcia.

Nella 2ª frazione i posillipini abbozzano una reazione. Il capitano Gallo su rigore e Kovacs in controfuga riducono lo svantaggio. I rossoverdi però non sfruttano adeguatamente la superiorità numerica. Madaras segna il 2-1.

Nel 3° e 4° tempo ci sono solo i liguri, che padroneggiano. Si assiste ad un tiro al bersaglio. La formazione di Mergellina non argina l’onda d’urto degli implacabili avversari. Le reti di Madaras, Aicardi, Giacoppo e Fiorentini. A chiudere il match Figlioli, Fondelli, Figari. I gol di Renzuto e Saccoia (uno per tempo) serviranno a ben poco.

Per il club del presidente Caiazzo prossimo impegno a Roma contro la Lazio nel turno infrasettimanale. Almeno per un po’ il Posillipo non incontrerà il portiere della Nazionale, il super Tempesti, un muro impenetrabile ed insuperabile.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *