Pompei, posti di lavoro in cambio di denaro: arrestato 57enne

Pompei, posti di lavoro in cambio di denaro: arrestato 57enne

Millantava conoscenze e influenze anche su autorità ecclesiastiche, promettendo posti di lavoro in cambio di denaro.

Noè Somma, anni 57, residente a Pimonte, vecchia conoscenza alle forze dell’ordine, è stato arrestato nei giorni scorsi per truffa e millantato credito. Prometteva posti di lavoro negli scavi archeologici di Pompei e nel Santuario, chiedendo ai malcapitati che si rivolgevano a lui, per una ‘raccomandazione’, cifre che si aggiravano dalle 500 euro fino a 4,500 euro. L’indagine è stata portata a termine dai carabinieri della stazione di Pompei. L’uomo è ora agli arresti domiciliari.

Posti di lavoro inesistenti ‘venduti’ anche a 4,500 euro

Il signor Noè Somma affermava di avere molte conoscenze, sopratutto di avere una forte influenza su pubblici ufficiali della Soprintendenza ai beni archeologici, su dirigenti di Asl e Inps. In alcune occasioni ha anche sostenuto di avere influenze su autorità ecclesiastiche. In tal modo è riuscito ad ingannare un minimo di cinque persone, a cui avrebbe chiesto cifre da un minimo di 500 euro fino ad un massimo di 4,500, in cambio di posti di lavoro che mai avrebbe potuto garantire.