Pizzeria Pellone, la rabbia dei clienti: "9 euro per una pizza fritta. E' una presa in giro"

Pizzeria Pellone, la rabbia dei clienti: “9 euro per una pizza fritta. E’ una presa in giro”

Il post del giovane Luca, la sua rabbia dopo aver ricevuto un conto troppo salato alla Pizzeria Pellone, diventa virale nel mondo del web.

Conto troppo salato alla storica Pizzeria Pellone. “EXPO A NAPOLI“, si intitola così un post pubblicato su facebook da un cliente di una delle pizzerie più conosciute di Napoli, tra le “regine” della pizza fritta e non solo, un post che ormai è diventato virale.

 

Pizzeria Pellone: il post di Luca contro la storica pizzeria napoletana

Il giovane Luca, pubblicando anche la foto dello “scontrino”, si lamenta per i prezzi ritenuti più vicini a quelli dell’Expo di Milano che a quelli delle pizzerie napoletane:

Qualcuno dovrebbe spiegare ai proprietari della storia Pizzeria Pellone (vicino piazza Nazionale) che l’Expo si tiene a Milano e che pure li si stanno tutti lamentando dei prezzi. Ma soprattutto qui, a Napoli, dove una pizza fritta da Di Matteo costa 5 euro e una pizza “gourmet” alla Notizia non supera i 10 euro pagare 12 euro un’ortolana, 14(!!!) una bufalina e 9 una pizza fritta cicoli e ricotta (che non sono proprio due ingredienti nobili) è una presa in giro. Una presa in giro per noi, che qui ci viviamo e che sappiamo come pizze altrettanto buone si possano pagare la metà facendo pochi passi e una presa in giro doppiamente più grande per gli ignari turisti che, poveri loro, non avendo metri di paragoni escono pure felici e contenti.Dal canto mio non ci metterò più piede con mio sommo dispiacere e mi farò mancare la loro enorme e ottima pizza fritta.Che vadano a venderla all’Expo…anzi no, perché lì non portare il menu a tavola e non fare lo scontrino (“la cassa si è rotta proprio due persone prima”) potrebbero crear loro dei seri problemi. Ciao Pellone Ciao“.

 

Pizzeria Pellone: la risposta dei titolari della pizzeria

E, mentre il post del giovane Luca continua ad attirare commenti (positivi e negativi) nei confronti della Pizzeria Pellone, gli stessi titolari pubblicano, ancora una volta, la loro replica sulla pagina ufficiale Facebook.

Carissimi Vi scrivono i titolari della pizzeria Pellone, vogliamo chiedere scusa pubblicamente a tutti coloro che si sono sentiti trattare male o che hanno pagato troppo, secondo loro,per ciò che hanno consumato nel nostro locale. Torniamo un po’ indietro nel tempo a quando eravamo tre giovanotti con tanta voglia di fare.Erano gli anni 70, guardavamo sbalorditi nostro zio, che da solo portava avanti quest’attività,ZI VICIENZ, colui che ci ha inculcato la passione per l’acqua e farina, con l’obiettivo di migliorare sempre, di rispettare i clienti, proponendo sempre il meglio, e pensavamo di esserci quasi riusciti insieme ai nostri collaboratori, 20 persone, regolarmente inquadrati e noi tre, ma il meglio è sempre il più caro e noi imperterriti abbiamo rispettato questo principio, ma a volte non tutti riescono a comprendere tutto questo, ma per fortuna la maggior parte si. Otteniamo riconoscimenti tutti i giorni e ben 12000 persone ci seguono su Facebook, con tantissime manifestazioni di stima, siamo tra i le migliori pizzerie secondo il Gambero Rosso, le guide turistiche e la Federico II ha voluto INSIGNIRE nostro fratello Francesco della laurea ad ONOREM. Forse tutto questo non basta per essere stimati da tutti, ma credeteci che ci è servito per fermarci a riflettere e per rafforzare ancora di più, nella nostra grande famiglia allargata,ad avere la voglia di fare sempre meglio. Per concludere, un po’ di tempo fa prima dell’era dei SOCIAL avevamo un cartello su cui c’era scritto “SE AVETE MANGIATO BENE DITELO A TUTTI MA SE AVETE MANGIATO MALE DITELO A NOI” e vorremmo che questo motto fosse quello che farete da domani. Grazie a tutti per i messaggi di stima e grazie ancora a coloro che ci hanno maltrattati“.