Il pizzaiolo più originale al mondo non è napoletano, ma veneto

Il prestigioso titolo viene assegnato a Stefano Miozzo di Cerea, in provincia di Verona, che ha sbaragliato la concorrenza anche di colleghi di quella che è da sempre considerata la capitale della pizza

Pizzaiolo più originale al mondo: il titolo a sorpresa va a Stefano Miozzo di Cerea, in provincia di Verona.

Il pizzaiolo più originale del mondo è Stefano Miozzo e arriva da Cerea, in provincia di Verona. E con la sua ‘Valpoterra’ in omaggio ai prodotti della Valpolicella (a partire dall’Amarone usato nell’impasto) ottiene anche il neo detentore del titolo di pizzaiolo chef e pizzaiolo sommelier. Durante la terza edizione del contest internazionale #PizzAward. Battendo centinaia di concorrenti e conquistando, allo stesso tempo, uno dei nove Award previsti dalla gara.

La sorpresa è stata grande durante la comunicazione dei risultati ieri sera a Napoli, capitale della pizza per antonomasia, nel corso del live show di premiazione. Che ha visto sotto i riflettori anche altri sette grandi interpreti di questo patrimonio immateriale dell’Unesco. Ora entrati per la prima volta nell’olimpo della pizza targato MySocialRecipe, aggiudicandosi i prestigiosi riconoscimenti introdotti per il 2018. Ad alternarsi sul palco sono stati quindi Enzo Coccia (premio alla Carriera Professionale), Ciro Salvo (Pizzaiolo Protagonista dell’Anno), Franco Pepe con Authentica – Pepe in Grani (Pizzeria dell’Anno). Filippo Rosato con la sua On the sea side (Migliore Pizza dall’Estero), Diego Tafone con la sua Pascalina (Migliore Pizza Healthy), Paolo De Simone con la sua Nefropizza (Pizzaiolo Social). E la ventiduenne Sara Palmieri, che ha incassato addirittura due titoli (Migliore Pizza Senza Glutine e Migliore Pizza in Rosa) con la sua Tradizioni.

Al loro fianco, inoltre, i giovani John e Elias. Protagonisti del primo corso per pizzaioli rivolto ai migranti che MySocialRecipe ha voluto promuovere. Con la collaborazione di Virtus Italia Impresa Sociale, dell’Associazione Pizzaioli Esperti e di Fabio Cristiano (docente della Scuola di Pizzaiolo). Il tutto sempre in un’ottica di integrazione culturale e professionale.

Le parole dell’ideatrice del contest PizzAward

“Oltre all’attenzione per il sociale, PizzAward è ormai una sorta di calamita per i pizzaioli desiderosi di mostrare la loro creatività. Non a caso – ha spiegato l’ideatrice del contest e della piattaforma MySocialRecipe, Francesca Marinoattira sempre più partecipanti da tutto il mondo. Arrivando quest’anno al record di 239 pizzaioli da 32 Paesi. Un’adesione importante da cui emerge il ritratto di un movimento in continua evoluzione. Capace di dettare incessantemente nuovi trend in fatto di impasti e topping. In questa edizione, in particolare, la parola d’ordine è stata salute. Con tante pizze attentamente studiate contro alcune patologie, come le malattie renali o il cancro. Ma la star indiscussa resta comunque l’arte del pizzaiolo napoletano che abbiamo potuto finalmente festeggiare come patrimonio Unesco. Dopo averne supportato la candidatura per due edizioni consecutive, e che continueremo a celebrare nei prossimi anni con l’aiuto di tanti esperti del settore”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *