Pastificio Rummo allagato, dai social la gara di solidarietà

Pastificio Rummo allagato, parte dai social la gara di solidarietà

Già 50 mila persone su Facebook e migliaia su Twitter in aiuto del Pastificio Rummo. “I volti dei nostri operai spiegano la gravità di cosa sia successo”

Un pacco di pasta per salvare il pastificio Rummo, colpito dall’alluvione nella notte tra il 14 e il 15 ottobre scorso. Parte dai social, come riporta LaPresse, con tanto di hastag #SaveRummo, la campagna per sostenere Pasta Rummo. La notte dell’esondazione trenta operai erano rimasti bloccati nel pastificio a causa della massa di acqua e fango che ha invaso la zona industriale.

 

Già 50 mila persone su Facebook e migliaia su Twitter corse in aiuto del Pastificio Rummo

Alla chiamata alla solidarietà hanno risposto già 50 mila persone su Facebook, mentre sono migliaia i tweet con foto di pacchi di pasta pubblicati su Twitter. “L’acqua non ci ha mai rammollito”, hanno scritto in molti sui social invitando ad acquistare un pacco di pasta del marchio che viene considerato una bandiera delle produzioni del beneventano.

“Sono la figlia di uno dei dipendenti del pastificio Rummo. Ho visto per la prima volta la disperazione sulla faccia di mio padre e credo non ci sia cosa peggiore per una figlia“.

E ancora: “Ci basta guardare i volti degli operai per capire quanto sia grave quello che è successo” ha fatto sapere l’azienda. “Rummo è tra i marchi bandiera del Mezzogiorno – scrivono oggi gli utenti della rete – È per questo che dobbiamo aiutare l’azienda. Per difendere le nostre produzioni, per valorizzarle in momenti di difficoltà come questo e tutelare il nostro territorio”.

La Rummo è in ginocchio ma anche altre società hanno subito ingenti danni. Si stima che nella zona industriale 1500 persone siano rimaste senza lavoro.